Archivio per la categoria 'Miti, leggende e fiabe'

Gli antenati dei mostri selvaggi di Sendak: una sfilata di mostri

15 marzo, 2013

Sto facendo una ricerca sui mostri per una mostra a cui sono stata invitata a partecipare, che vedrà 50 illustratori italiani interpretare i mostri dell’album di Maurice Sendak: Nel paese dei mostri selvaggi; album che quest’anno compie 50 anni dalla sua pubblicazione. La mostra sarà visitabile a Torino, dal 9 al 23 maggio, alla Fondazione Sandretto Re […]

Analisi esoterico filosofica di “La Rosa e il Giglio” di George Cruikshank

11 gennaio, 2013

George Cruikshank realizzò una sola immagine per la novella The rose and the lily how they became the emblems of England and France, di Octavian Blewitt (Chatto and Windus Londra, 1877). Vi lascio davanti a questa immagine come davanti a una di quelle immagini tantriche che a fissarle a lungo portano una rivelazione. E provo […]

Momotaro, nato da una pesca: una antica fiaba giapponese

14 giugno, 2012

Momotaro, nato da una pesca. Fiaba tradizionale giapponese, qui in una versione illustrata da Sensei Eitaku nel 1885 circa Momotaro è l’eroe di una fiaba tradizionale giapponese. Potete leggere un adattamento del testo in italiano qui. La storia narra di un vecchio e una vecchia che non hanno potuto avere figli. La donna trova una […]

La “finestra” nell’arte e nell’illustrazione

11 giugno, 2012

Paolo Uccello In misura maggiore o minore, a seconda dei momenti storici, il mondo è sempre stato percepito come separato in due: il mondo interno, teatro di sentimenti e pensieri privati: spazio conosciuto, familiare, sicuro; e il mondo esterno, pubblico, dove ciò che accade è alla luce del sole: spazio sconosciuto, luogo di desiderio e […]

Death and burial of poor Cock Robin, la versione di H.L Stephens del 1865

2 maggio, 2012

Se e quando sarò ricca, diventerò una collezionista di versioni di Death and burial of poor Cock Robin. Ne possiedo già una copia, regalatami da due meravigliosi amici (ho così paura di rivinarla che è custodita in una teca, ma prometto che prenderò il coraggio di fare delle foto e postarvele). E aggiungerei alla collezione anche l’opera tassidermica di Walter Potter, dove…

Le fate

21 novembre, 2011

Dirette discendenti delle Moire greche e delle Parche latine, le fate prendono il loro nome dal latino fatum. Infatti, presiedono alle nascite dei bambini e decidono del destino degli uomini.
Importante ricordare che le Parche erano tre: una filava, l’altra dava il filo a un nuovo nato, la terza tagliava il filo al momento della morte. Non è un caso che nelle fiabe ritorni, insieme alle fate: il fuso, il filo, il tessere e disfare, la morte per aver toccato il fuso…

Prossimo »