A world of your own, di Laura Carlin. Un laboratorio di creatività

5 Febbraio, 2015

Laura Carlin, A world of your own. Phaidon 2014

Aggiornamento 2018:
Questo libro è stato pubblicato in italiano da Terre di Mezzo, con il titolo: Il mondo come piace a me.

***

David Hockney una volta ha scritto:

“Posto che la rappresentazione, l’urgenza della rappresentazione, fa parte della natura umana, come ci poniamo di fronte a essa? Quali metodi usiamo e quali posizioni prendiamo rispetto al rappresentare in questo o quel modo?”

Evidentemente, Hockney stava riflettendo sullo stile, ma voglio fermarmi qualche virgola prima, quando dice: “l’urgenza della rappresentazione fa parte della natura umana”.
√ą importante ricordarsi che il bisogno di una rappresentazione del mondo che ci circonda fa parte della natura umana, perch√© di solito, quando si parla di arte, si ha la tendenza a pensare che l’arte sia qualcosa che riguarda uno stretto nugolo di gente: gli artisti. Anzi, gli artisti e i bambini. E non gli esseri umani in generale.

Laura Carlin, A world of your own. Phaidon 2014

√ą curiosa l’associazione artisti-bambini. Di solito viene usata per sminuire l’urgente impulso di rappresentazione di un adulto: se si √® appena arrampicato su una sedia per cantare; se √® uscito una mattina per andare a comprare il latte ed √® tornato – senza sapere bene perch√© – con tre tubetti di colore ad olio, una tela e due pennelli; se sta tamburellando con le unghie sul tavolo un motivetto inventato l√¨ per l√¨; se mentre racconta aggiunge al racconto una rosa di dettagli del tutto innecessari alla narrazione,¬† -come farebbe un attore che prende la sua rivincita su un regista troppo pedante – gli si dice: non fare il bambino.
E viceversa, nei bambini, l’inclinazione a rappresentare in modo urgente il mondo in un modo tutto personale la si tollera fino a una certa et√†, o in certe ore del giorno ben compartimentate.
Poi bisogna crescere, fare i conti con la realtà.
S√¨, ma cosa √® questa benedetta ‘realt√†’ se non il concerto di tante diverse rappresentazoni personali? Possiamo accedere a un mondo non rappresentato in qualche modo?

Questa lunga premessa mi serve per descrivervi il senso di profonda, improvvisa, legittimata libert√† creativa che ho provato leggendo A world of your own (in francese √® stato pubblicato con il titolo: Un monde rien qu’√† toi. In Italia non mi sembra che sia uscito, ma spero venga tradotto presto), di Laura Carlin. Una specie di libro-laboratorio per la fantasia intorpidita.

Il libro si apre sull’immagine fotografica di una bambina (non √® un caso che sia una fotografia) che dice:
Mi chiamo Laura, per creare il Mio Mondo, inizio guardandomi intorno. Ecco, questa √® la mia casa nel mondo reale. Per prima cosa ne copio la forma. Poi, penso al modo di renderla pi√Ļ interessante, gli metto qualche piano in pi√Ļ. Le scale sono davvero noiose, cos√¨ decido di metterci uno scivolo; e anche delle grandi finestre, cos√¨ posso vedere cosa succede fuori“. Nell’illustrazione, la casa, all’interno si anima di figure poco domestiche… Un dinosauro, un serpente, un cavaliere a cavallo.

Questo √® l’inizio di un libro che all’apparenza sembra pensato per far fare laboratori creativi ai bambini, e nei fatti viene anche utilizzato per questo (vedere questo post sul sito di Phaidon), e che √® in realt√† un’intelligentissima, brillante, riflessione sul ruolo della creativit√† e dell’arte nella costruzione della nostra visione del mondo. Nonch√© sullo stile.

Nel ‘nostro mondo’ possiamo fare quello che ci pare e piace.
La sua casa, Laura, la fa pi√Ļ alta di tutte le altre perch√© le piace sentisi importante, ci mette una piscina sul tetto e poi, non paga, la mette in cima a un albero.
Sì, perché nel mondo della fantasia si può fare quello che si vuole! La creatività non ha morale e limiti ed è giusto che non li abbia, sembra dirci Laura Carlin.
Finita la casa, Laura invita il lettore a fare lo stesso, disegnando.

Poi passa a guardare e reinterpretare (migliorandoli a suo piacimento) i vicini di casa; poi la città intera, con i negozi e tutto. Bando al politicamente corretto, siamo nel mondo della fantasia!
Nel ‘proprio mondo’ si pu√≤ anche mentire per divertirsi. Infatti, a Laura piace ingannare i passanti. Dietro il muro con un’insegna di negozio di fotocopie mette un negozio di scarpe per supereroi. “Mi piace che nel Mio Mondo le cose non siano mai quello che sembrano”.

“Cosa ti piace fare durante il giorno? Che posti ti piace visitare? Che ne dici di una galleria di diversi tipi di nasi o di un museo di case sugli alberi?”
C’√® anche una scuola nel ‘mondo di Laura’, ma vi si imparano solo cose importanti: come fare dolci, tagliare i capelli (vedere illustrazione associata), dipingere…

Dopo queste prime pagine che sono una vera e propria palestra di esercizi di fantasia, nella seconda parte del libro, Laura Carlin invita il lettore (bambino o adulto) a una riflessione su ‘come’ si possono rappresentare le cose. Una persona timida √® meglio farla con tratto delicato, una sicura di s√© con un segno deciso. Lo stile √® un attrezzo che va usato come attrezzo: robusto, utile a trasmettere un’emozione o una visione del mondo, non un orpello estetico che serve a fare pi√Ļ o meno carino un disegno.


Dopo molti esercizi creativi in cui tutto il mondo reale è ribaltato per essere reinterpretato, il libro si chiude con questa domanda: Il lampione che vedi dalla tua finestra, sei proprio sicuro che sia un lampione?



Ho chiuso le pagine di questo libro davvero emozionata, con un senso di libertà creativa rivitalizzata, necessaria.
Un libro fondamentale per interrogarsi su che cosa sia la realt√†; sul ruolo della creativit√† nella societ√†; sui confini della realt√†, che devono essere sempre permeabili al dubbio e alla creativit√†; sul senso profondo dell’arte, che √® ponte per il confronto e la mediazione tra diverse e molteplici rappresentazioni del mondo.

Ma ho chiuso questo libro anche con un senso di sgomento pensando alla penuria di fantasia e creatività nella nostra società.
Se nei luoghi dove (si) crescono gli esseri umani (la scuola, ma anche la casa, la televisione, le riviste, i libri, la radio…) la creativit√†, che √® prima di tutto esercizio del pensiero, viene limitata, censurata, non incoraggiata, il pericolo non √® solo, come molti pensano, quello di futuri adulti poco creativi, depressi e poveri di idee. Il pericolo √® che a qualcuno venga in mente che la propria personale visione del mondo √® migliore di altre e che un nugolo di depressi poveri di idee la prendano per l’unica possibile.
Educare alla creatività e al pensiero è una questione di vita o di morte.

IL MONDO COME PIACE A ME
Laura Carlin
Un laboratorio di creatività
12,71

9 Risposte per “A world of your own, di Laura Carlin. Un laboratorio di creativit√†”

  1. 1 fran
    5 Febbraio, 2015 at 17:50

    sono d’accordissimo al cento per cento su tutto. la mancanza di creativit√† la cogliamo anche a scuola nelle nuove generazioni. sono dispiaciuta spesso nel nn riuscire a trovare dei rimedi efficaci, ma quando la societ√† gira in un certo modo difficile cambiarla.
    e tu sei un genio!

  2. 2 monica vannucchi
    5 Febbraio, 2015 at 17:59

    Troppo bello; lo ordino seduta stante. m.

  3. 3 AlmaCattleya
    5 Febbraio, 2015 at 20:11

    In questo momento sto leggendo Grammatica della fantasia dell’immenso Gianni Rodari e c’√® una citazione di Novalis dove che se oltre alla Logica ci fosse anche la Fantastica, sarebbe scoperta l’arte dell’inventare.”

    Inoltre leggendo l’inizio del tuo post, non so se √® molto attinente, mi √® venuta in mente la pareidolia ovvero l’illusione di creare immagini familiari come visi, soprattutto visi, da una sequenza casuale di immagini e ombre. Mi √® venuta in mente soprattutto leggendo la citazione che hai sottolineato ovvero l’urgenza della rappresentazione

  4. 4 Lisa Massei
    5 Febbraio, 2015 at 22:53

    Verissimo Anna, la creatività ci aiuta a vivere. A non impazzire, a trovare soluzioni alternative, a liberarci, alleggerirci. Ed è si, una questione di vita :)

  5. 5 sandra
    6 Febbraio, 2015 at 16:05

    GRAZIE Anna sei indispensabile!!!

  6. 6 Valeria Fenudi
    7 Settembre, 2015 at 11:43

    Bellissimo post…! E si, la realt√† √® percezione: il mondo dunque si conosce se ci scambiamo le nostre visioni e… lo creiamo insieme.

  7. 7 Anna Castagnoli
    10 Settembre, 2015 at 16:47

    Esatto.

  8. 8 Elisa
    2 Febbraio, 2017 at 12:01

    Sono proprio contenta che hai parlato e preso in visione questo libro.
    Credo che sia ancora troppo poco conosciuto.
    Grazie Anna

  9. 9 Anna Castagnoli
    2 Febbraio, 2017 at 17:40

    Grazie del commento Elisa. √ą strano che un’illustratrice pluripremiata come la Carlin non sia ancora stata tradotta in italiano. A meno che non mi sia sfuggito.