E perché non tu? Edizioni Notari

27 giugno, 2011

cover_Notari

Et pourquoi pas toi? Madalena Matoso, Editions Notari, 2011

Et pourquoi pas toi? (E perché non tu?) è un album senza testo illustrato da Madalena Matoso ed edito dalla casa editrice svizzera éditions Notari. E’ un album che promuove la parità di diritti tra uomo e donna (ma anche giovani e vecchi, persone di razze diverse…), ed è nato in collaborazione con la Délégation à la petite enfance della città di Ginevra, e regalato nel 2011 a tutti i bambini che frequentano una classe prescolare. Ecco come funziona questo divertentissimo album:

Pensavate che per fare surf  bisognasse essere una sventola bionda in perfetta forma fisica?

IMG_1396

Et pourquoi pas toi? Madalena Matoso, Editions Notari, 2011

E perché non tu?

IMG_1398

Et pourquoi pas toi? Madalena Matoso, Editions Notari, 2011

Pensavate che stendere sia un’attività tutta al femminile?

IMG_1401

Et pourquoi pas toi? Madalena Matoso, Editions Notari, 2011

E perché non tu?

IMG_1402

Et pourquoi pas toi? Madalena Matoso, Editions Notari, 2011

E guidare il trattore?

IMG_1403

Et pourquoi pas toi? Madalena Matoso, Editions Notari, 2011

E perché non tu?

IMG_1404

Et pourquoi pas toi? Madalena Matoso, Editions Notari, 2011

E chi è più adatto a consolare?

IMG_1399

Et pourquoi pas toi? Madalena Matoso, Editions Notari, 2011

IMG_1400

Et pourquoi pas toi? Madalena Matoso, Editions Notari, 2011

Con una grafica e dei colori di eccezionale efficacia, Madalena Matoso ci invita ad un esercizio di giocosa apertura mentale:
un album ad anelli tagliato a metà, decine e decine di combinazioni possibili e una domanda rivolta al lettore: E perché non tu? E’ una domanda che ci chiede, tra le righe: E tu? Quali preconcetti hai?

In un panorama internazionale che vede ancora sbilanciati a favore delle donne, degli anziani, degli stranieri, discriminazioni e povertà… In un panorama internazionale dove è possibile per una coppia omosessuale sposarsi, adottare bambini, accedere ai servizi di procreazione assistita (Spagna), e a poche centinaia di chilometri, nessun diritto, neppure quello di patria potestà sui figli (Italia, Francia)… In un panorama internazionale dove le donne-madri sono ancora fortemente penalizzate al lavoro… E gli uomini-padre, a volte, in casa (dai a me, tu non lo sai fare…)…
Il libro ci chiede, senza bisogno di una sola parola: TU, dove ti situi? Di cosa sei sicuro? Su quali basi hai costruito le tue convinzioni? Chi lava i piatti in casa? Chi va al parco a giocare coi bambini? Quante volte accetti o subisci torti perché sei donna, o di un’altra razza, o anziano, o troppo giovane? Quante volte giudichi cosa sia giusto e cosa no e penalizzi chi non la pensa come te? Ma anche: cosa ti stai impedendo di fare perché pensi che non sia per te? Perché non tu?

Questo libro è più di un regalo. E’ un passo in avanti verso un mondo più giusto.

13 Risposte per “E perché non tu? Edizioni Notari”

  1. 1 fran
    27 giugno, 2011 at 10:58

    bello! nel video c’è un brano di jazz che mi fa impazzire. chi è l’autore?

  2. 2 Anna Castagnoli
    27 giugno, 2011 at 12:46

    Non lo so, non ho fatto io il video e non amo il jazz :)

  3. 3 Luci
    27 giugno, 2011 at 13:44

    che idea magnifica…un gran bel libro

  4. 4 Anna Castagnoli
    27 giugno, 2011 at 13:44

    Di questo libro potete anche leggere la recensione di Sophie Van Der Linden apparsa oggi sul suo nuovo blog:
    http://www.editionsdefacto.com/svdl/index.php?post/2011/06/24/Et-pourquoi-pas-toi

    e quella di Cristiana Clerici di qualche tempo fa:
    http://lascatoladelte.blogspot.com/2011/04/et-pourquoi-pas-toi-edizioni-notari.html

  5. 5 Lorenzo
    27 giugno, 2011 at 15:29

    più o meno è il convcetto del bestiario universale della Logos.. :)
    carino

    http://www.youtube.com/watch?v=tNSurXuzgUc

  6. 6 Anna Castagnoli
    27 giugno, 2011 at 16:07

    Sì, è lo stesso, è un concetto molto antico, in Francia lo chiamano méli-mélo.

  7. 7 oscar
    27 giugno, 2011 at 20:23

    bellissimo!

  8. 8 Cristina Rudi
    27 giugno, 2011 at 21:42

    Riesce ad essere espressivo ed efficace anche senza l’uso delle parole! Molto bello!

  9. 9 Giulia Canevari
    12 luglio, 2011 at 9:56

    adoro i libri così… che bei colori! grazie del suggerimento!

  10. 10 Graziana Melillo
    7 agosto, 2011 at 11:30

    Il “perché non tu?” del surf mi piace molto, quello del trattore mi sa di …propaganda comunista:). Comunque è un libro da dare a bambini affinché lo facciano leggere ai genitori…i bimbi sono per natura più avanti di noi.

  11. 11 elisa
    7 novembre, 2011 at 17:59

    Un bellissimo libro contro la fissità dei ruoli, di ripensamento a quello che abbiamo attorno a noi e di come potrebbe variare ed essere se…
    Appena comprato per la biblioteca… sto pensando a come farci un bel laboratorio per i bambini!

  12. 12 Anna Castagnoli
    7 novembre, 2011 at 20:03

    Faccia sapere del laboratorio!

  13. 13 sonia
    9 gennaio, 2013 at 10:22

    @fran. il brano è highway blues del 1999