Una mostra virtuale: tanti illustratori si raccontano

La mostra virtuale “La voz de l’√°lbum” (La voce dell’album) √® stata organizzata all’interno del bellissimo festival di editori indipendenti spagnoli La semana de l’√Ālbum (edizione 2020).
Tanti illustratori da tutto il mondo sono stati invitati a scegliere l’illustrazione di un loro libro e parlarne in un video.
Ne è venuto fuori un ricco concerto di riflessioni sulla creatività, scrivanie, bellissimi studi di artista, materiali di lavoro, mani di illustratori al lavoro.

Un’immagine per illustratore √® stata poi esposta al centro civico Pati Limona di Barcellona.
Ecco i link di tutti i video degli illustratori che potete ascoltare, in tante lingue con sottotitoli in spagnolo:
Koichiro Kashima
Elena Val
Anna Castagnoli
Ramón París
Li√©bana Go√Īi
Sergio Ruzzier
Rebeca Luciani
Alejandro Galindo
Juan Palomino
Ana Juan
Carolina Luzón Toro
Laura Romero
Nono Granero
Daniela Maratgón
Ra√ļl Nieto Guridi
Chris Haughton
Paloma Corral
Concha Pasamar
Joan Negroscolor


Un catalogo magico di libri per bambini

.

From the Mundane to the Magical, Photographically Illustrated Children’s Books, 1854-1945 and Beyond, Dawson’s Book Shop,
Los Angeles 1999

La gioia di un collezionista di libri, anche in erba come me, è trovare una bella edizione di un libro a cui tiene molto. Bella, cioè: senza scarabocchi, con tutte le pagine ancora solidamente rilegate insieme, il meno ingiallita possibile, profumata di carta e non di sigaro (ahi! i librai fumatori).
Ma c’√® una gioia ancora pi√Ļ grande per il collezionista: scovare e acquistare un catalogo bibliografico.
Un catalogo bibliografico riunisce in un solo libro un potenziale enorme di possibili belle edizioni. √ą come una cassa del tesoro. Il collezionista pu√≤ tuffarcisi dentro e riemergere con qualche titolo di cui nessuno aveva mai sentito parlare. La segreta ambizione di ogni collezionista, in fondo, √® scovare la perla sconosciuta.

Quando sono arrivata alla posta per ritirare il pacco e il ragazzo dall’altra parte del banco mi ha detto che dovevo pagare un supplemento di 22 euro per il peso, gli ho fatto un sorriso gigante.
Credevo che “From the Mundane to the Magical‚ÄĚ  fosse un piccolo e grazioso catalogo di libri illustrati con la fotografia, ed era gi√† una bella giornata. Ma sono tornata a casa con con una scatola in braccio che pesava quanto un bambino di due chili.


Non ho ben capito perché Mus White, danese emigrata negli Stati Uniti, si sia dedicata per anni a completare questa monumentale bibliografia, ma le duecento e venti pagine fitte di titoli di libri non sono la summa di una collezione esistente in qualche biblioteca o casa privata.
In alcuni casi, infatti, l’autrice lamenta di non aver potuto vedere il libro e di essersi fidata di qualcun altro per descriverlo. Gli altri, li ha visti tutti.
Sono elencati 1421 titoli + 146 titoli di serie di libri fotografici per bambini. Alcuni di questi titoli comprendono libri per bambini in cui la fotografia, nel 1800, era servita per riprodurre disegni originali di grandi illustratori.

Immagino Mus White viaggiare su e gi√Ļ per latitudini e longitudini americane alla ricerca di biblioteche e collezioni private, mossa da non so quale spasmodico amore per i libri per bambini fotografici.
Descrivendo ogni libro minuziosamente, ci regala, così, anche il vocabolario perfetto per diventare buoni collezionisti.
Scorrendo le pagine, entriamo infatti nella selva di un linguaggio arcano e meraviglioso:

Paper 25.6 x 34.5 cm, bulk 1.5 cm., all edges gilt. 20 plates with mounted salt prints reproducing drawings, I on each recto. All have tissue guards. Brief texts are included in the drawings. According to Helmut Gernsheim, the illustrations in this book were made by waxed-paper process.”

Pi√Ļ mappa del tesoro di cos√¨ non si pu√≤.
Le descrizioni pi√Ļ accurate arrivano fino al 1896, quelle meno lunghe fino al 1914, poi svaniscono: non per pigrizia, ma perch√© gli album da quella data iniziano ad avere sempre le stesse standardizzate forme e non presentano aspetti interessanti dal punto di vista editoriale.

Attenzione, From the Mundane to the Magical non è un catalogo illustrato. Le illustrazioni accompagnano solo una decina di pagine, all’inizio del libro. Detto questo, se saprete trasformare la lettura di un migliaio di titoli in una caccia al tesoro, questo libro merita di spendere le sessanta euro di un’edizione non perfetta + 22 di spedizione e un sorriso al postino.

Anna Castagnoli 



Un corso online sugli album per bambini!

Rullo di tamburi!!! Il mio primo corso online è attivo e se vi fa piacere potete acquistarlo.
Si intitola:

Un viaggio nell’album. Introduzione alla storia e ai codici del libro illustrato per bambini.

Voler pubblicare un libro per bambini, lavorare con i libri per bambini, senza sapere nulla della storia dell’illustrazione e degli album che hanno marcato questa storia, dei tipi di formato disponibili, di come funziona l’album‚Ķ √® pi√Ļ la norma che l’eccezione.
Il motivo? Un mistero.
Come se qualcuno volesse fare un’audizione di pianoforte senza saper leggere le note musicali.

Eppure √® vero che si inizia cos√¨, un po’ alla cieca, affascinati da questo linguaggio che sembra semplice. A poco a poco, si scopre che dietro l’album c’√® un mondo intero: una storia, giovane di soli duecento anni e un linguaggio, preciso come quello del fumetto, ma pi√Ļ adatto a bambini che ancora non sanno leggere i testi.

Durante questi mesi di confinamento, ho preparato un corso online divertente e fresco per condividere tutta la cultura che ho accumulato nella mia carriera sull’album, prima come autrice, poi come illustratrice, critica, collezionista.
12 lezioni video + letture dei pi√Ļ begli album della storia dell’illustrazione, esercizi e tanti articoli di approfondimento sulla storia dell’album e sul suo modo di raccontare storie ai bambini.

√ą un corso adatto a chiunque desideri approfondire storia e codici narrativi del libro illustrato per bambini, per passione o per lavoro.

“Un viaggio nell’album” √® un vero viaggio nella conoscenza, da gustare con calma, in compagnia di album incantevoli e di una granita al limone, per arrivare a settembre pronti ad affrontare con pi√Ļ sicurezza il mondo dell’editoria per bambini.
Buon viaggio e buona estate!

Anna Castagnoli

Per pi√Ļ informazioni, scorrete verso il basso questa pagina:
store.lefiguredeilibri.com/un-viaggio-nell-album
Per avere lo sconto promozionale del 20% (fino a fine luglio), iscrivetevi con questo link: COUPON LANCIO.

Una volta acquistato, il corso non ha scadenza e potrete farlo con i vostri tempi.

Un simpatico video di making off:

Un viaggio nell’album, di Anna Castagnoli.

Un viaggio nell’album. Introduzione alla storia e ai codici del libro illustrato per bambini:
produzione e regia: Julien Palier;
contenuti e lezioni video: Anna Castagnoli;
grafica: Anna Martinucci.


Il mio primo corso online!

AGGIORNAMENTO:
Il corso è online e lo potete acquistare qui!

Ci siamo! Dopo due mesi di intenso lavoro sto per pubblicare il mio primo corso online. Sar√† un viaggio affascinante nella storia dell’album illustrato, per scoprire anche come questa storia influenza il suo modo di raccontare storie, i suoi codici visuali.
Per poter lanciare il corso, devo solo aspettare l’attivazione di un numero fiscale internazionale che mi premetter√† di fatturare con Iva all’estero, e che in questi tempi di uffici con personale ridotto potrebbe tardare qualche giorno o settimana in pi√Ļ. Poi partiamo per questo viaggio.
Se volete ricevere informazioni sul lancio, potete iscrivervi alla newsletter della pagina del corso, qui: store.lefiguredeilibri.com.
Non implica niente, riceverete una mail con le informazioni e potrete poi decidere di iscrivervi o meno, e anche di disattivare la newsletter:
Vi aspetto!
Anna Castagnoli


Visita guidata alla Mostra Illustatori, online, con Anna Castagnoli

Kike Ibanez, Spagna, Mostra degli illustratori 2020

Aggiornamento:
La diretta della mia visita guidata √® stata registrata, la trovate nella collezione video della pagina Facebook della Children’s Book Fair: qui.

Come saprete, quest’anno la Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna √® stata annullata a causa del Covid19.
Ma √® impossibile frenare quel fiume di novit√†, eventi, cultura che la Fiera porta in campo ogni anno: la Children’s Book Fair si √® subito re-inventata e sta vivendo online le sue pi√Ļ importanti manifestazioni.
Io darò il mio consueto contributo con la visita guidata alla Mostra degli Illustratori, edizione 2020.
Come fate ad assistere?
Vi collegate oggi 7 maggio, alle 16 in punto, sulla pagina Facebook della Children’s Book Fair, dove ci sar√† la diretta: https://www.facebook.com/BolognaChildrensBookFair/
Intanto, non perdete il ricco programma e la visita virtuale alle immagini, già online. Sono bellissime.
Qui la galleria di immagini:
https://galleries.bolognachildrensbookfair.com/
Qui il programma degli eventi:
http://www.bolognachildrensbookfair.com/eventi/programma-eventi/5663.html

Capiremo insieme, guardando le immagini e riflettendo sui commenti dei giurati, perch√© hanno vinto, cosa caratterizza il linguaggio dell’illustrazione contemporanea, cosa significa “un’immagine narrativa”.
Qui sotto il video report della giuria di quest’anno.

Vi aspetto!
Anna Castagnoli

Qui il racconto della mia esperienza di giurata alla Mostra degli illustratori 2014.


Un album per bambini con musica di Debussy

La bo√ģte √≤ joujoux, ballet pour enfants, (La scatola dei giocattoli, balletto per bambini) √® un album illustrato da Andr√© Hell√© con partitura musicale di Claude Debussy.
La storia di questo capolavoro, diventato poi un vero balletto nel 1919, merita di essere raccontata.

Claude Debussy, Andr√© Hell√©, La bo√ģte √≤ joujoux, 1913
Claude Debussy, Andr√© Hell√©, La bo√ģte √≤ joujoux, 1913
Claude Debussy, Andr√© Hell√©, La bo√ģte √≤ joujoux, balletto

La storia inzia nel 1903, qaundo Gertrud Caspari, illustratrice che imporr√† il suo stile pulito e lineare per molti decenni (ancora oggi in Germania si parla di “stile Caspari”) pubblica il suo primo libro per bambini: Das lebende Spielzeug. Ein lustiger Traum, (I giocattoli animati, L√∂wensohn, F√ľrth).

Gertrud Caspari, Les joujoux vivant, Das lebende Spielzeug. Ein lustiger Traum, 1903

Il libro narra della fuga di un gruppo di giocattoli dalla loro scatola. √ą il sogno di un bambino. L’idea narrativa evoca il celebre passaggio dei giocattoli animati nel racconto dello scrittore romantico E.T.A Hoffmann “Schiaccianoci e il re dei topi” (1816), messo poi in musica da Tchaikovsky nel balletto Lo schiaccianoci (1892).
Alcuni anni dopo il 1903 (quanti, non so), un misterioso/a Me. J. Rybau, sul quale non sono riuscita a trovare nessuna informazione, pubblica in Francia il libro della Caspari con il titolo Les joujoux vivantes, ou un dr√īle de r√™ve (I giocattoli animati, o uno strano sogno). L’edizione √® senza data.
Stessi disegni, testo tradotto in francese. Ecco alcune immagini dell’edizione francese e le due copertine a confronto:

Me J. Rybau, Les joujoux vivant, Magnin et fils, senza data

Me J. Rybau, Les joujoux vivant, Magnin et fils, senza data

Nessun riferimento, in questa edizione francese, all’edizione originale tedesca o al nome di Gertrud Caspari. Un’ipotesi potrebbe essere che Me. (signora/maestro?) J. Rybau fosse nominata/o nel frontespizio come autrice o autore del testo ma, cosa abbastanza comune all’epoca, non si facesse menzione dell’illustratore perch√© considerato di scarsa importanza.
Un’altra, che qualche editore abbia tradotto e pubblicato il libro in francese senza rendere conto all’autore dell’edizione originale, perch√© la normativa sul diritto d’autore tra Stati non era ancora ben delineata.
Non so quanto successo abbia avuto questa edizione francese ma, di sicuro, deve essere piaciuta a André Hellé.

Gertrud Caspari, Les joujoux vivant, Das lebende Spielzeug. Ein lustiger Traum, 1903


Nel 1913, il pittore e illustratore francese Andr√© Lacl√ītre (in arte Andr√© Hell√©) ha in mente un “progetto libro”. Un testo illustrato per opera musicale dal titolo La bo√ģte √† joujoux (La scatola dei gicattoli). La storia √® simile a quella di Gertrud Caspari: un gruppo di giocattoli scappa da una scatola e vive molte avventure, tra cui una guerra. Hell√© invita Claude Debussy a scrivere la partitura musicale per questa storia.

Gi√† qualche anno prima, nel 1908, Debussy aveva lavorato a un’opera per bambini: una suite per pianoforte in sette parti pubblicata dall’editore A. Durand & fils con il titolo Children’s Corner.
E nel maggio del 1913 era andato in scena il suo balletto, Jeux (Giochi), con la compagina dei Balletti russi del coreografo Djaghilev, interpretato dal grande ballerino NiŇĺinskij; ma il balletto non era piaciuto affatto al pubblico parigino.

Recensione del balletto Jeux, di Claude Debussy, Balletti Russi, 1913


Stupisce e non stupisce che in quel clima di avanguardie e sperimentazioni Debussy accetti la proposta di Hell√© e inzi a lavorare alla partitura di un libro per bambini. Stupisce perch√© oggi il libro per bambini √® un prodotto comemrciale dai contorni molto pi√Ļ marcati e impermeabili ad altre forme d’arte. Non stupisce perch√© le Avanguardie furono spesso al servizio dell’arte dedicata ai bambini, basti pensare ai libri per bambini illustrati da artisti quali Chagall, El Lissitzky, Lebedev.

L’album di Hell√© e Debussy viene pubblicato nell’autunno del 1913 con il titolo La bo√ģte √† joujoux, un ballet pour enfants (La scatola dei giocattoli, un balletto per bambini), sempre da Durand & fils. Ecco alcune immagini…

Andr√© Hell√©, Claude Debussy, La Bo√ģte √† joujoux, Durand & fils, 1913

Il disegno di frontespizio e l’idea narrativa tolgono ogni dubbio sulla fonte di ispirazione di Hell√© in Gertrud Casperi alias Me. J. Rybau.
Qui il disegno della Caspari:

Me J. Rybau, Les joujoux vivant, Magnin et fils, senza data

Qui quello di Hellé:

Claude Debussy, Andr√© Hell√©, La bo√ģte √≤ joujoux, 1913

Ma lo stile √® del tutto diverso. A 100 anni di distanza possiamo affermare che lo stile di Gertrud Caspari appartiene interamente alla moda “jugendstil” di quegli anni, lo stile di Hell√©, invece, ha qualcosa di rotondo, personale, graficamente forte che provoca in noi, ancora oggi, una tenerezza senza nessuna ruga.
Anche la messa in pagina del testo e delle illustrazioni √® pi√Ļ originale di quella della Caspari.

Claude Debussy, Andr√© Hell√©, La bo√ģte √≤ joujoux, 1913

Nel 1914 Debussy comincia a lavorare all’orchestrazione della Bo√ģte √† joujoux, ma scoppia la guerra e non porta a termine il progetto. Muore nel 1918 a seguito di un tumore, lasciando l’opera incompiuta.
Sar√† l’amico Andr√© Caplet a portare a termine l’opera.
Il balletto andr√† in scena il 10 dicembre 1919 al Th√©√Ętre Lyrique di Parigi, con la direzione di D√©sir√©-√Čmile Inghelbrecht, scene e costumi di Andr√© Hell√© e coreografia di Robert Quinault.

Una versione della La bo√ģte √† joujoux, Claude Debussy, decori e costumi di Andr√© Hell√©, messa in scena con bambini
Un costume per la Bo√ģte √† joujoux

Quanto deve essere stato meraviglioso assistere a quello spettacolo? Ci resta qualche fotografia, la musica di Debussy e la bellissima edizione del libro di Hellé.
La pagina Wikipedia dedicata a La Bo√ģte √† joujoux di Debussy cita Andr√© Hell√© solo marginalmente come “pittore”, non dice che il progetto fu suo.
La relazione tra il libro di Caspari e quello di Hell√©, invece, non √® nominata in nessuna storia ufficiale ed √® farina del mio sacco. Ma forse interessa solo i collezionisti pi√Ļ noiosi, quali me.
Storia finita.
Anzi, no.

Nel 1921 il balletto entra nel repertorio dei Ballets su√©dois con gli stessi costumi e decori di Hell√©, ma con la nuova coreografia, di gusto pi√Ļ cubista, del ballerino e coreografo Jean B√∂rlin.
Lo spettacolo andr√† in scena anche negli Stati Uniti con il titolo: The toy shop. (Sulla pagina degli “Amici di Hell√©” pi√Ļ informazioni su questa tourn√© e una magnifica affiche illustrata da Hell√©).

Nel 1926, Hell√© pubblica con l’editore Tolmer una nuova versione solo scritta e illustrata della scatola dei giocattoli: L‚Äô Histoire d‚Äôune Bo√ģte √† Joujoux, con nuove tavole: libro oggi riedito dalle edizioni Memo.

Nel 1995 esce “Toy story” della Pixar.
Fine.
Anna Castagnoli

Claude Debussy, Andr√© Hell√©, La bo√ģte √≤ joujoux, 1913


Potete sfogliare tutto il libro di Hellé e Debussy su Gallica, a questo link e ascoltare la musica di Debussy accompagnata dai disegni e testi di Hellé in questo video.
Buon ascolto e visione.

Per altre informazioni sul balletto e le diverse rappresentazioni: qui.