Adventurous flyng of cats, 1976

13 Gennaio, 2011
cover Adventurous flyng of cats, testo e illustrazioni di  Shinta Cho, Fukuinkan Shoten 1976

Philip Giordano, Il nostro inviato speciale dal Giappone (vedi qui), mi ha inviato alcune immagini di:¬†“Adventurous flyng of cats” un curioso libro del 1976 ¬†illustrato da Shinta Cho (1927-2005), autore giapponese nominato due volte¬†al premio Ibby H.C. Andersen, famoso in occidente soprattutto per il divertentissimo “The gass we pass“.

Il libro potrebbe essere annoverato tra i libri senza testo, se non fosse per un verso che si ripete identico pagina dopo pagina e che nella traduzione spagnola del libro (Gl√©ant edizioni) fa: “GORO, GORO, MIAU. GORO GORO, MIAU”… VUELA EL AVIONCITO” e che non ho nessuna idea di come faccia in giapponese: importante sapere che √® un suono, e mescola il miagolare del gatto al rombo di uno strano aereo a forma di pesce.

Shinta_Cho_3
Shinta_Cho_4
La storia √® apparentemente molto semplice: un gruppo di gatti sale su un aereo-pesce, pesca dall’areo alcuni pesciolini, attraversa diversi paesaggi, scappa da fauci, mani e balene che cercano di prenderlo e “atterra” sano e salvo sul mare.

sendak

Where the wild things are, Spike Jonze 2009

Quello che mi piace del libro √® che sotto la sua apparente semplicit√† nasconde un’ossatura simbolica simile a¬†Where the wild thing are di M. Sendak: l’avidit√† del bambino, se espressa, risveglia immancabilmente oggetti persecutori: se io desidero mangiare (divorare) te, qualcuno poi vorr√† mangiare (divorare) me.
Dopo aver inseguito il cane con una forchetta, Max urla alla mamma: Ti mangio! E viene poi inseguito dai mostri selvaggi che lo vogliono mangiare.

Shinta_Cho_5

Ma mangiare per il bambino ¬†√® anche conoscere/amare, per il fatto che tutto quello che √® buono del mondo, all’inizio della sua vita, √® entrato dalla bocca (umori di chi lo allatta, soddisfazione del bisogno d’amore, etc…).
Il seno buono (in senso simbolico) pu√≤ diventare improvvisamente un seno cattivo se fatto oggetto di troppa avidit√† da parte del bambino (M. Klein) e diventare quindi persecutorio. Anche il desiderio di conoscere, avventurarsi nel mondo, amare, se troppo intenso, pu√≤ fare la stessa fine. La sottile membrana che separa un’avidit√† creativa da un’avidit√† distruttiva √® ambigua e sempre pronta a rompersi.

Nel film Where the wild thing are di Spike Jonze questa ambiguit√† √® ancora pi√Ļ esplicita che nel libro di Sendak. Per chi ha visto il film: emblematica la scena in cui il mostro-mamma inghiotte delicatamente Max e lo nasconde al suo interno, per salvarlo dall’ira di un altro mostro che lo vuole mangiare; come a significare: ci sono due modi di mangiare-amare, uno che divora e distrugge, uno che protegge e crea. Quando Max esce da quello strano rifugio, in una sorta di seconda nascita (il bambino era stato “mangiato” dalla mamma ed era nella sua pancia, prima di nascere!) sembra aver introiettato la capacit√† di dominare la sua avidit√†, con un lieto fine in cui i mostri (proiezioni dei suoi oggetti persecutori) gli urlano: Oh, non partire…Ti vogliamo mangiare, ti amiamo cos√¨ tanto! Ed √® chiaro che finalmente il mangiare/conoscere √® associato a un seno buono, capace di amare e lasciarsi amare.

Shinta_Cho_6

Nel libro di Shinta Cho ritroviamo lo stesso gioco: ¬†nella prima scena del libro il pesce (oggetto desiderato dalla fame dei gatti) √® un aeroplano (oggetto instabile, ma capace di portare moltissima conoscenza). Cosa significa? Significa che i gatti sono stati capaci di trasformare creativamente l’oggetto del loro desiderio: hanno trasformato il pesce in un aeroplano e ora vogliono usarlo per esplorare il mondo (la stessa cosa deve fare un bambino con la sua avidit√†).
Ecco che per√≤ un bisogno si fa sentire: la fame. C’√® una regressione a uno stadio di avidit√† pi√Ļ primario. I gattini gettano allora dall’aereo-pesce alcune lenze e pescano dei pesci. Nella scena successiva (se si guarda dentro le finestrelle dell’aereo) consumano il loro pasto. Ma improvvisamente, girata la pagina, una balena dalla bocca enorme vuole divorare l’aereo (l’oggetto buono si √® trasformato in persecutorio).

Shinta_Cho_7
Shinta_Cho_8
Il libro alterna scene persecutorie e paesaggi affascinanti, in una veloce e vitale avventura sopra il mondo, cos√¨ simile a quella dell’infanzia. L’avventura si chiude con i gattini che scendono dall’aereo, capaci, come Max, di uscire dalla grande bocca della loro avidit√† e dire addio all’oggetto tanto desiderato (l’aereo-pesce o gli amici-mostri). L’ambiguit√† √® stata superata, il seno √® stato capace di nutrire il bambino fino a renderlo indipendente.
Che si creda o no alle teorie psicanalitiche che ho rudimentalmente utilizzato per questa analisi, che gli autori fossero coscienti o meno di farne uso, io credo che il bambino sappia leggere a un livello istintivo tutti questi affascinanti passaggi.

Shinta_Cho_9

Shinta_Cho_10

Shinta_Cho_11

Shinta_Cho_12

Shinta_Cho_13

Shinta_Cho_14

Shinta_Cho_15

Shinta_Cho_16

Shinta_Cho_17

Shinta_Cho_18

Shinta_Cho_20

Vedere anche il post su Dibuixam un conte

6 Risposte per “Adventurous flyng of cats, 1976”

  1. 1 Ilustrsokop
    14 Gennaio, 2011 at 11:53

    Des que el vaig descobrir per casualitat als prestatges d’una llibreria i el vaig comprar, aquest √†lbum em fascina.

    Gr√†cies per fer-ne aquesta an√†lisi detallada tan interessant. Caldr√† pensar-hi i tornar a mirar amb atenci√≥ les allargades imatges de Shinta Ch√ī, per trobar-hi encara m√©s coses.

    Agnès

  2. 2 Anna Castagnoli
    14 Gennaio, 2011 at 13:28

    Hola Agnès, gracias por tu comentario. Si, es un album precioso y muy raro, hay mucho que descubrir en su ritmo. Un saludo!

  3. 3 Riccardo
    14 Gennaio, 2011 at 13:37

    Grazie mille Anna delle tue preziose osservazioni e a Philip Giordano per i consigli dal Giappone.
    Leggendo il post mi √® tornato in mente anche “Luca la luna e il latte” (In the Night Kitchen), sempre di Sendak, col piccolo Luca che ribaltava il rischio iniziale di essere mangiato, dando alla pasta intorno a lui proprio la forma di un aeroplano.

  4. 4 Anna Castagnoli
    14 Gennaio, 2011 at 15:03

    E’ vero Riccardo, bravo per averlo trovato, ce l’ho qui in versione originale, √® proprio lo stesso ribaltamento!

  5. 5 Lisa
    28 Maggio, 2015 at 22:09

    This blog looks delicious. Now I must learn Italian!

  6. 6 Anna Castagnoli
    29 Maggio, 2015 at 0:40

    Ti aspetto. :)