“Il potere dei gruppi”, breve trattato sulla felicità, e tre buoni consigli

3 settembre, 2012

Quest’estate appena trascorsa, deliziosa come un sorbetto al limone, la intitolo “il potere dei gruppi”. E ora vi racconto perché. Ma prima, una piccola premessa:

Premessa:

In qualsiasi attività artistica, più della tecnica, dello stile, della ricerca delle proprie fonti di ispirazione, credo che la cosa più importante da ricercare e approfondire sia “se stessi”. Questo vale, ovviamente, per qualsiasi esistenza. Ma se per altri tipi di mestiere un insuccesso su questo fronte non inficia necessariamente la capacità lavorativa, nei mestieri “artistici”, le conseguenze di una cattiva ricerca sono immediatamente visibili: in termini di difficoltà a lavorare, o di qualità della produzione creativa.
Ma cosa significa cercare se stessi? O diventarlo? Difficile dirlo. Winnicott definiva un individuo sano come qualcuno che ha trovato un buon compromesso tra la sua originalità e quello che la società e l’intorno gli chiedono di essere. Ma sappiamo anche che ben pochi artisti sono stati “sani”. Credo che non si tratti di adattarsi a un qualche tipo di definizione, ma di capire quali forze reggono il nostro personale equilibrio, senza renderlo troppo statico.
Questa parola: “equilibrio”, è fondamentale. Perché ci siamo noi, e ci sono gli altri (il mondo), e la tensione tra questi due poli è sempre problematica. Per poter dire “io” (come ci insegna la filosofia) dobbiamo nostro malgrado riconoscere la dipendenza dall’altro. E parallelamente (in un equilibrio paradossale fra questi due movimenti), per poter dire io, dobbiamo affrancarci dall’altro.

(Leggete, su questa dialettica, il meraviglioso racconto di E.A. Poe William Wilson. Se avete un Kindle potete scaricare il racconto gratuitamente qui).

L’artista è quella persona che va e che viene tra esterno e interno, tra l’io e l’altro, continuamente, come un pescatore di perle che si tuffa, risale in superficie, scambia le perle con qualcuno che gli dà in cambio ossigeno, e poi scende di nuovo giù, nel profondo.

Ora veniamo ai fatti:
Se vi ricordate, avevo iniziato l’estate con un viaggio ad Albarracin. Se vi ricordate, avevo parlato qui dell’incredibile forza che si sprigiona quando si riuniscono sotto lo stesso tetto persone con la stessa passione. Il viaggio era solo all’inizio… e oggi che sono tornata a casa, mi sento di dire che nel processo di ricerca del mio personale “equilibrio”, i gruppi hanno un potere terapeutico di inestimabile valore.

Keith Haring

Potere dei gruppi, 1

Appena tornata da Albarracin, senza blog (mio polmone di respiro sociale) e di colpo segregata nel mio studio, mi è caduto addosso il gnocco della solitudine. Pesante, goffo. Non ricordo più dove, avevo letto che uno scienziato aveva dimostrato che uno degli ingredienti necessari alla felicità era passare almeno 3 ore della giornata in compagnia di gente (diversa da compagni/e, parenti). E almeno un’ora, soli.

Anna Castagnoli, Parco del Putxet, Barcellona, disegno dal vero

Sola nel mio studio, un po’ abbacchiata, ho fatto due+due e ho realizzato che se spesso ero affetta da “paturnie” (anche chi mi conosce non ci crede, ma vi giuro che sono spesso affetta da segrete ambage esistenziali di vario tipo), era perché mi isolavo troppo.
Dal dire al fare c’è di mezzo, quasi sempre, una buona idea. Così pensai a 3 amici barcellonesi illustratori, che frequentavo saltuariamente, e proposi loro di riunirsi una volta a settimana, due o tre ore, per disegnare dal vero. L’idea entusiasmò i miei compagni, che accettarono subito. (Vi invito ad esportarla!). Ogni settimana scegliamo un luogo e partiamo con colori e quaderni alla scoperta di un angolo di Barcellona.

Anna Castagnoli, Bar Tripoli, Martina Franca, disegno dal vero

Mi ha sorpreso l’incredibile piacere che ho avuto nel disegnare, mentre chiacchieravo del più e del meno con i miei amici. Riscoprire il disegno come un gesto, un’attività fluida e spontanea dell’occhio e della mano. Riscoprire il piacere di guardare, come fosse la prima volta, un muro, un tronco, la piega di un braccio. Tra parentesi, imparare a guardare è la cosa più difficile di tutte. Ancora più difficile di disegnare.

Nell’antica Grecia, le idee migliori, ai filosofi (e che idee! Roba da non aver più niente da dire di nuovo per i due millenni successivi), sono venute passeggiando in compagnia.

Insegnamento sulla felicità 1: se hai le paturnie, trova degli amici con cui uscire a disegnare (o con cui uscire a passeggiare).

Keith Haring

Potere dei gruppi, 2

Venerdì 13 luglio, facendo qualche scongiuro (sono superstiziosa), sono partita alla volta di Roma, dove mi aspettava il corso sull’editoria tenuto da Paolo Canton, presso lo studio di Simone Rea.
Vi parlerò presto di questo bellissimo corso in un post a parte. Quello che qui vorrei riportare è il potere di questo corso sulla mia psiche.
Come premessa, dirò che faceva un caldo torrido, cosa che deve aver abbassato le difese a tutti, che presenti nello studio di Simone, durante il corso, c’erano anche due personaggi degni di un libro: il magnifico Orlando, detto anche “Il lottatore di Sumo”,

ed Ettorino (forse il cane più simpatico d’Italia, se ci fosse un concorso).

Non so cosa sia stato: se il caldo, i momenti di pausa in ottima compagnia, le mozzarelle di bufala e la porchetta che ci elargiva il papà di Simone a pranzo, il sorriso di Orlando, il fiato bollente di Ettorino sulle gambe, i massaggi di Ilaria, (che senza conoscerci ci ha massaggiati a turno tutti con mani fatate), le corse pazze sulla spiaggia di Ostia, i grossi aghi con cui infilzavamo panetti di fogli nel maldestro tentativo di rilegare libri, il fatto che ogni volta che finivamo un progetto, Paolo Canton faceva partire un grande e caloroso applauso (e sembrava che essere bravi fosse così facile)…

Alcuni momenti del corso di editoria e rilegatura di libri tenuto da Paolo Canton (editore Topipittori), Roma 2012

O forse il fatto che un gruppo, più di ogni altra cosa (quando è un buon gruppo), ti insegna di come ognuno è diverso, e di come sia proprio questa diversità, e la sua espressione, a creare valore aggiunto (abbiamo sempre una paura così grande, e così inutile, di essere “troppo” diversi). Insomma, qualcosa dentro di me ha fatto crack, il crack della matita di Roland nel libro di André François: un crack che rompe gli schemi, le rigidità, la paura di essere bravi, di piacere o non piacere. Sono ripartita verso casa che ero un’altra, alleggerita di un paio di tonnellate di ciccia psichica (e con due chili  in più di ciccia vera, vedi sopra al capitolo mozzarelle e porchetta).

Insegnamento sulla felicità 2: frequentare luoghi dove bazzica gente generosa, simpatica, di buona cultura, appetito, doti chiropratiche, possibilmente con annessi cani bassotti e bambini.

Keith Haring

Potere dei gruppi, 3

Il corso che ho tenuto a Martina Franca dal 6 al 10 agosto, è stato un altro momento di gioia perfetta. Dopo il primo giorno di corso e reciproche conoscenze, ho dato appuntamento a tutta la classe per incontrarsi nella barocca, bianca, levigata piazzetta di Martina Franca, alle 7:30 del mattino dell’indomani, per disegnare dal vero prima dell’inizio del corso. La mia sveglia non ha suonato, o forse non l’ho sentita. Fatto è che il gruppo si è ritrovato per intero, facendo una levataccia, ma senza di me. Che figura barbina da parte di un insegnante! Quasi trent’anni fa, combinai lo stesso guaio con la mia classe delle medie. Dissi a tutti che prenotavo una pizzeria, poi non prenotai e mi dimenticai pure di andare, col risultato che la classe si ritrovò davanti alla suddetta pizzeria nel suo giorno di chiusura e la mia popolarità, già scarsa, ebbe la sua bastonata definitiva. Da quel giorno, mi guardai bene dall’organizzare di nuovo qualcosa per gli altri.


Alcuni momenti del corso di Anna Castagnoli (sottoscritta) sullo stile, a Martina Franca, Agosto 2012

Ma la vita, tant’è, quando non impariamo qualcosa, ci trascina prendendoci per un’orecchia davanti alla stessa stretta porta, e dai e dai, finché non la passiamo. Crediamo di sapere quello che dobbiamo imparare, e invece dall’altra parte della porta c’è una verità che non ci aspettavamo per nulla.
Le ragazze del corso non solo hanno perdonato questa mia distrazione, ma nei giorni a venire mi hanno coperta di disegni bellissimi, fiori, collane, pasticcini, affetto. (Ancora un grazie di cuore a tutte).

Insegnamento sulla felicità 3: si può sbagliare.

La mia estate è poi finita con una piccola vacanza fuori programma nella selvaggia, primitiva, isola di Minorca, in compagnia di due amici più che speciali. Ma questa è un’avventura che avrebbe bisogno di più di 200 pagine, per essere raccontata come si deve.

E la vostra estate? I vostri corsi? Ben ritrovati cari miei lettori, mi siete mancati!

30 Risposte per ““Il potere dei gruppi”, breve trattato sulla felicità, e tre buoni consigli”

  1. 1 laura38
    3 settembre, 2012 at 8:36

    Bentornata. Son contenta che tu abbia avuto un’estate così intensa e ricca di felicità e scoperte! Hai ricevuto il pdf? Mi sa di no.

  2. 2 giovanna
    3 settembre, 2012 at 8:40

    “Crediamo di sapere quello che dobbiamo imparare, e invece dall’altra parte della porta c’è una verità che non ci aspettavamo per nulla.”

    Con questa riflessione, con la magnifica illustrazione dei palombari e il tuo disegno del Putxet mi avvio più leggera verso questo lunedì di settembre che mi dà più di un’inquietudine…

  3. 3 serena
    3 settembre, 2012 at 9:17

    Bentornata Anna !
    Anch’io quest’anno ho scoperto il potere del gruppo: 10 amiche illustratrici che sfondano il muro della solitudine creativa e si mettono a girare l’Italia con una mostra collettiva itinerante. Trovare ogni giorno mille mail da loro, mille idee per nuovi progetti, la voglia di non fermarsi più.
    E mi chiedo, come ho fatto finora, senza di loro?
    collettivoniewiem.blogspot.it

  4. 4 Ilaria
    3 settembre, 2012 at 9:21

    Che bel resoconto!
    Concordo sull’importanza fondamentale della ricerca di sé e mi è molto piaciuta l’immagine del cercatore di perle.

    Personalmente questa estate è stata all’insegna del cambiamento: un trasloco in pieno stile a Torino, per cominciare una vita nuova.
    Nessun corso dal vivo questa estate (ma quanto sono stancanti? Con il caldo e kili e kili di carta e colori da portare in giro?). Mi sono lanciata invece in corsi online (stranieri) e intanto continuo a sistemare scatoloni e scatoloni.

    Ben ritrovata :)

  5. 5 Nicky
    3 settembre, 2012 at 10:18

    Annaaaaa sei tornata alla grande!! Che post meraviglioso…è così ricco di consigli tra le righe che penso di doverlo rileggere altre 10 volte minimo!! Grazie a te…che a Martina Franca hai saputo recuperare eccome la gaffe di quel giorno, donando a ognuna di noi gli stimoli necessari..e una grande grande serenità!! La mia estate (e ora l’imminente autunno..) procede un pò come il libro “Fortunamente” che mi hai fatto conoscere…appena succede qualcosa che può sembrare una “tragedia” basta voltare pagina e….fortunatamente scoprire di avere ancora e sempre una risorsa in più…un motivo per cui essere felice.
    Ben tornata tra noi :)

  6. 6 Rossana Taormina
    3 settembre, 2012 at 10:37

    Bentornata!
    Bellissima le tua estate e ovviamente non posso che unirmi al tuo “elogio del gruppo”, anche quando il gruppo in questione è virtuale e ci s’incontra grazie a blog accoglienti …

  7. 7 elillisa
    3 settembre, 2012 at 10:45

    Evidentemente questa estate è stata speciale per molti.

    Io ho fatto un corso base a Sarmede e ho incontrato un bel po’ di splendide personcine (non siamo illustratrici professioniste ma, io direi, “artistiche” nel senso più ampio del termine e innamorate di cosa e come con l’arte si può esprimere)

    ci siam trovate così bene insieme che adesso, geograficamente impossibilitate ad incontrarci di persona, ci diamo appuntamento in una piazzetta virtuale tutta nostra dove discutiamo di illustrazione, ci diamo un tema e ci sproniamo a “lavorare”, ci mostramo l’un l’altra schizzi e pasticci. Una meraviglia!

    e come dice un cane a puà rossi: “L’unione fa la forza”

  8. 8 elillisa
    3 settembre, 2012 at 11:35

    Sì… vabbè… anacoluti come se piovesse.
    Chiedo venia, ma sento ancora il clima “sospeso” delle vacanze.

  9. 9 Lisa Massei
    3 settembre, 2012 at 11:39

    Ciao Anna, ben tornata!!
    io sono un’appassionata di gruppi, quindi penso proprio di capire quello che dici. l’energia dei gruppi è magica, non necessariamente se uniti dalle stesse passioni, a volte bastano gli stessi intenti. a Roma faccio parte di un gruppo bellissimo e misto di arte terapia. ma terrò presente il tuo consiglio per trovarsi a disegnare insieme, penso faccia molto bene anche alla psiche :) e a togliersi dalla testa tante piccole grandi paure.

  10. 10 Anna Castagnoli
    3 settembre, 2012 at 12:24

    Grazie a tutte per il benvenuto!

    @Serena: vi ho seguite! Se vuoi preparare un post per questo blog con qualche foto e un racconto, lo pubblico volentieri.

    @Elilisa: che bella idea quella di creare un gruppo on line con le persone che si son conosciute a un corso.
    Mi sa che te la rubo. Avete usato yahoo o altro?

    @Ilaria: corsi on line stranieri di cosa, che sono curiosa?

    @Nicky: “Fortunatamente” abbiamo inaspettate risorse!

  11. 11 Arianna
    3 settembre, 2012 at 13:08

    Bentornata Anna!
    La mia estate è stata proficua, colorata e concentrata sulla ricerca personale.
    Il potere del gruppo di cui parli l’ho sperimentato anch’io. Pensavo che sarebbe bello ‘fare gruppo’, non solo in occasione dei corsi, per organizzare insieme eventi o mostre collettive come le super-girls del collettivoniewiem. Che ne dite? Apro un topic? Adesso penso.
    Bentornati amici e buon lavoro!

  12. 12 elillisa
    3 settembre, 2012 at 13:13

    @Anna: Noi abbiamo semplicemente creato un blog collettivo, con tanti autori, tanti post e moooooooolti commenti.
    E’ come essere di nuovo tra i tavoloni di Rugolo ;)

  13. 13 Marzia
    3 settembre, 2012 at 13:36

    Bentornata! Che piacere rileggere il tuo blog.

  14. 14 IllaT
    3 settembre, 2012 at 14:50

    che bella estate cara Anna!che bello viaggiare così tanto, coi piedi e con la mente :) e trovare qutte queste belle persone.
    Che amarezza queste piogge che ci bagnano il rientro a casa. Speriamo bene!
    Buon autunno!
    Mi piacerebbe avere qualche informazione in più su quei trionfali pasticcini e sul loro contenuto… bacio :)

  15. 15 ilaria
    3 settembre, 2012 at 15:28

    Che bello Anna, e grazie:) le mie chiropratiche mani ti massaggiano da lontano!
    Capisco bene questo post, mi sono sentita anch’io così questa estate…potere dei gruppi. Nessuna voglia di ri-rinchiudermi nello studio!:)

  16. 16 Ilaria
    3 settembre, 2012 at 18:25

    Anna, il corso che ho appena iniziato riguarda il surface pattern design.
    Ho deciso di sperimentare altre forme di illustrazione, meno narrative e più decorative.
    Il link di riferimento è questo:
    http://dowhatyouloveforlife.com/pattern/

    Spero possa arricchire la mia ispirazione e portarmi anche nuove prospettive lavorative!

  17. 17 Francesca
    4 settembre, 2012 at 6:59

    BENTORNATA Anna!
    Un GRAZIE pieno di TUTTO e molto profumato per questo splendido post.

  18. 18 maddalena sodo
    4 settembre, 2012 at 13:29

    che bello Anna, cone questo post mi hai catapultata nel tuo viaggio…ne ho sentito i suoni, i sapori e gli odori…ne ho assaporato la gioia.
    Ben tornata!!anche tu ci sei mancata!!!

  19. 19 Ana Inés
    4 settembre, 2012 at 18:43

    il tuo racconto è stato veramente emozionante, e anche mi hai fatto crepare dalle risate con alcuni commentari (sopratutto quello del cane, bello Ettorino!). Grazie per condividere generosamente la tua esperienza, bentornata al blog!

  20. 20 Enrica S.
    4 settembre, 2012 at 19:23

    Bentornata Anna,
    come sempre i tuoi post trasmettono belle emozioni. Ottima idea ritrovarsi con altri per disegnare dal vero… da mettere in pratica.

  21. 21 phi
    4 settembre, 2012 at 23:12

    come un pescatore di perle che si tuffa, risale in superficie, scambia le perle con qualcuno che gli dà in cambio ossigeno, e poi scende di nuovo giù, nel profondo. bellissimo

  22. 22 Anna Castagnoli
    5 settembre, 2012 at 8:44

    Bentornati a tutti voi! E grazie per i link così interessanti. Quella di “fare gruppo” usando internet è una cosa meravigliosa, è incredibile il potere che ha questo mezzo di facilitare il contatto e la relazione. Ieri sera a una cena qualcuno chiosava ancora sul fatto che è un mondo virtuale e non reale, che allontana la gente, etc. Corbellerie.

    Per Francesca: aspetto i tuoi nuovi post sul colore e la forma!

  23. 23 Ila
    5 settembre, 2012 at 11:06

    Bel post! Grazie!

    La mia estate è stata altrettanto ricca, direi.
    In primis: il corso con Karll Cneut a Macerata (dietro tuo cosiglio…)… che dire!
    Sto ancora rielaborando e mi appresto a scrivere un post dedicato sul mio blog.
    Non appena lo faccio, condividerò.
    Avevi ragione: Karll è straordinario e… durante quei giorni ho subito una bella trasformazione e ho fatto una scoperta che ancora mi lascia a bocca aperta. ma per ora non svelo nulla :)

    Bentornata e buona ripresa!
    Ila

  24. 24 francesca
    5 settembre, 2012 at 16:26

    Anna cara, sto lavorando sui post… Sto (quasi) arrivando.>:-))
    Presto news.

  25. 25 emanuela
    6 settembre, 2012 at 12:10

    Che bello questo post, come sono d’accordo!
    Anch’io ho fatto il corso con Cneut, magico!
    Ora mi è più chiaro su cosa lavorare e poi, quanto mi sono divertita!!
    Ila, qual’è il tuo blog???

  26. 26 Ila
    7 settembre, 2012 at 13:55

    @Emanuela: ciao! il mio blog (uno dei tanti) lo trovi cliccando sul mio nome :)

  27. 27 PAVE
    7 settembre, 2012 at 15:16

    Anche qui sei mancata molto grazie per qeusti bei post spero di farne tesoro!!!!

    PAVE

  28. 28 Antonella
    12 settembre, 2012 at 12:14

    Grazie davvero Anna per la gioia ed il colore che condividi. I gruppi “sani” sono davvero terapeutici, l’umore si alza alle stelle perchè la felicità è come un fluido di energia che si sprigiona e ci fa sentire davvero più leggeri, a volte anche persi…ma questo è il bello

  29. 29 Anna Castagnoli
    12 settembre, 2012 at 12:51

    Grazie Antonella!

  30. 30 Manu
    27 ottobre, 2014 at 20:55

    grazie dell’onestà degli interessanti argomenti e punti di vista.