Consigli alle bambine, di MarK Twain e Vladimir Radunsky

17 aprile, 2011

Donzelli_titoli

E’ uscito nel 2010 con le edizioni Donzelli. Nel volo per Bologna non vedevo l’ora di metterci le grinfie sopra. Non avevo visto che un paio di immagini in internet, ma la mia intuizione era stata buona. “Consigli alle bambine” √® un gioiello. Vladimir Radunsky ha illustrato con una freschezza sorprendente un testo che Mark Twain scrisse nel 1906 (Advice to Little Girls). L’autore di Tom Sawyer e Huckleberry Finn graffia le pagine con 7¬† consigli di buone maniere: ovviamente sovversivi, spassosi, imprevedibili, illuminati da quel guizzo di libert√† sfrontata di cui Twain era maestro.

Donzelli_cover

Il libro, a un primo rapido sguardo, sembra incitare le bambine a una rivolta dall’educazione che le vuole carine, educate e gentili. Ma non √® cos√¨.

Vi confesso che, di solito, quando sento parlare di differenze di generi, ho una reazione di disagio, e diventa noia, quando sento parlare dell’importanza di non proporre modelli stereotipati nei libri illustrati (se ne sta parlando in Francia¬† in questi giorni in occasione di diversi convegni: qui un articolo sull’importanza di proporre modelli femminili diversi da quelli di principessine coi fiocchi).
Lo maschero bene, perch√© √® una reazione politicamente scorretta, ma mi annoio, e non ci posso fare nulla. E’ come se sentissi puzza di zolfo, come se vedessi spuntare da sotto le gonne e i pantaloni di chi vuole sovvertire lo stereotipo, lo zoccolo duro e resistente dello stereotipo. Non sopporto vedere principesse che per dimostrare di non essere principesse si siedono sul tavolo invece che sulla sedia, non sopporto libri che incitano i bambini a essere a tutti i costi ribelli, pasticcioni, liberi… cio√®, costretti a pasticciare quel metro quadro di muro che gli adulti hanno loro destinato per pedagogica generosit√†.

Perch√© secondo me non √® il sovvertimento o l’eliminazione dello stereotipo che rende libero il lettore-bambino, ma la freschezza della creazione artistica quando √® libera da dogmi, da intenti, da morali sovversive o non sovversive che siano. Lo spirito puro dell’arte, la freschezza (ho gi√† ripetuto questo aggettivo tre volte, e non voglio sinonimi) che l’artista ha messo nell’opera quando l’ha creata e che si riversa sul viso del lettore come una spruzzata d’acqua magica, capace di lavare via ogni pensiero che non sia vero, vivo, nuovo.
Una principessa di Andersen che si uccide perché il suo amore non è corrisposto dal principe, la Bella Addormentata, che dorme 100 anni per aver trasgredito un ordine, e Pippi Calze Lunghe, sono tutti modelli, per me, ugualmente sovversivi, perché squarciano la tela delle nostre sinapsi stantie con la lama affilata della bellezza.

Donzelli2

Consigli alle bambine, di MarK Twain e Vladimir Radunsky, Donzelli 2010

Ma ascoltiamo ora uno dei consigli di Twain:

“Se ti capita di dover rimproverare tuo fratello, non c’√® bisogno del fango – evita in ogni modo di gettarglielo addosso, o potresti rovinargli i vestiti. Sar√† pi√Ļ comodo ottenere i risultati sperati con una piccola scottatura. Questa servir√† a richiamare subito la sua attenzione sulla lezione che stai cercando di inculcargli, e in pi√Ļ l’acqua bollente aiuter√† a purificarlo da ogni macchia, possibilmente anche della pelle, brufoli compresi.”

Lo sentite  il ritmo della libertà?
E’ nel non-senso
: i vestiti di tuo fratello sono puliti se non gli tiri il fango, ma glieli pulisci se lo scotti con l’acqua bollente (erano dunque gi√† sporchi? Di cosa? Della sporcizia originaria d’essere fratelli?).¬†
E’ nel creare un mondo pre-esistente alla pagina:
l’attacco rapido: “non c’√® bisogno del fango” da per scontato che tutti siano d’accordo che per rimproverare di solito si usa tirare fango (non √® cos√¨. Potere retroattivo della finizone letteraria, quello di mettere in scena un mondo con sua sua cosmogonia).
E’ nella ridondanza gratuita delle figure
: non c’√® bisogno del fango – evita in ogni modo di gettarglielo addosso. Un autore mediocre avrebbe scritto: Se vuoi rimproverare tuo fratello, non gettargli addosso il fango, potresti rovinargli i vestiti.
E’ nell’imprevisto
: servir√† a richiamare l’attenzione sulla lezione che stai cercando di inculcargli . Chi √® che da lezioni a chi? Non era l’Autore alle bambine?
E’ nel paradosso: il piccolo-risibile messo accanto al grande-serio: un semplice rimprovero/l’ustione dell’acqua bollente.
E’ nell’ironia: la coppia di nuovo paradossale: ustione dell’acqua bollente/brufoli che spariscono.

lefiguredeilibri.segur

Scritto solo una manciata d’anni pi√Ļ tardi di Les Petites Filles Mod√®les della Contessa di S√©gur, (1858) il galateo di Twain √® lontano dalle piccole protagoniste della saga francese, continuamente obbligate a riconoscere che il bene √® sempre preferibile al male, come un pianeta di una galassia sconosciuta √® lontano dalla terra.

Non credo che Mark Twain volesse incitare i bambini, o le bambine, al sovvertimento della morale. Credo semplicemente che volesse liberare adulti e bambini dal loro pesante fardello quotidiano: la bruttezza, la noia, l’assurdo della morale.
Le illustrazioni di Vladimir Radunsky sono PERFETTE per questo libro:  libere e vivaci, come il testo di Twain.

Donzelli4

Consigli alle bambine, di MarK Twain e Vladimir Radunsky, Donzelli 2010

“Le brave bambine mostrano sempre molto rispetto per le persone di una certa et√†. Mai essere insolenti con i grandi, a meno che non siano loro a cominciare”.

Donzelli_ultima

5 Risposte per “Consigli alle bambine, di MarK Twain e Vladimir Radunsky”

  1. 1 giovanna
    18 aprile, 2011 at 7:42

    Sottoscrivo ogni parola.
    Recentemente in una recensione a un mio libro su atlantidezine.it ho letto una distinzione, chiara e splendente, che mi √® parsa fondamentale, fra “senso” e “messaggio”. Il senso √® quello che si costruisce insieme alla forma, il messaggio quello di cui gli adulti sono sempre preoccupati. Quello che, dico io, si piazza dentro al libro senza troppi complimenti per sentirsi meritevoli e dalla parte giusta, ed √® tipico di che pensa che una parte giusta ci sia e vuol manifestare con evidenza agli altri di esserlo. Il principio generatore della bruttezza. E dell’orrore.

  2. 2 Ila
    18 aprile, 2011 at 11:04

    L’idea dell’acqua bollente √® perfidamente sottile… o sottilmente perfida… mi piace, la terr√≤ in considerazione.

    Bel post, come sempre :)

    Ila

  3. 3 Antonella
    27 maggio, 2011 at 10:58

    Il 27 maggio alle 18 al Palazzo delle Esposizioni, presentazione del libro “Consigli alle bambine” per grandi e piccini. Al termine dell’incontro l’illustratore russo Radunsky firmer√† i libri.
    Vi aspettiamo!
    Il Laboratorio d’arte Paalzzo delle Esposizioni

  4. 4 elisa
    10 settembre, 2012 at 18:49

    … Ciao, mi rifaccio a una citazione: “E‚Äô come se sentissi puzza di zolfo, come se vedessi spuntare da sotto le gonne e i pantaloni di chi vuole sovvertire lo stereotipo, lo zoccolo duro e resistente dello stereotipo. Non sopporto vedere principesse che per dimostrare di non essere principesse si siedono sul tavolo invece che sulla sedia, non sopporto libri che incitano i bambini a essere a tutti i costi ribelli, pasticcioni, liberi‚Ķ”
    … quel che dici mi fa pensare molto al film animato firmato Disney Pixar sugli schermi ora “Ribelle”, che sa tanto di operazione commerciale per confezionare una nuova immagine di principessa anticonformista a tutti i costi…

  5. 5 Anna Castagnoli
    10 settembre, 2012 at 19:07

    Elisa cara, non l’ho visto ma sono curiosa e penso che la tua impressione non sar√†, purtroppo, sbagliata.