Gli incontri di illustrazione ad Albarracin. Il mio corso con “It’s raining elephants”. Parte 3/3

28 Giugno, 2012

Nina Werhle (a sinistra) e Evelyne Laube (destra) durante il corso ad Albarracin

Torna alla parte 1
Torna alla parte 2

Eccoci arrivati alla parte finale del viaggio ad Albarracin, dove pochi giorni fa si è svolto il IV corso di illustrazione e grafica,  curato da Isidro Ferrer e Carlos Grassa Toro.
Oggi vi racconto qualcosa di Evelyne Laube e Nina Wehrle, dello studio It’s raining Elephants.
Ecco cosa ho scoperto di loro durante la conferenza che hanno tenuto: Nina e Evelyne sono due ragazze giovanissime (meno di 30 anni), si sono conosciute in una scuola di design in Svizzera (loro patria natale) e hanno deciso che lavorare in due era molto più divertente, così, appena diplomate, sono emigrate insieme a Berlino, per aprire il loro studio.
Hanno l’abitudine, quando cercano ispirazione, di arrampicarsi su tetti o solai, o di cercare scantinati, insomma: di cambiare prospettiva. Rintanate in una soffitta durante un temporale fortissimo, hanno deciso che il loro studio si sarebbe chiamato It’s raining elephants. Da allora, collezionano elefanti di tutti i tipi e le fogge.
Non so come abbiano avuto i primi contatti di lavoro, ma fatto è che le richieste di collaborazione sono arrivate in fretta e copiose (qui trovate un elenco dei loro clienti e dei premi), e nella conferenza ci hanno mostrato alcuni esempi di commissioni:
la decorazione di un edificio destinato a persone affette da ritardo mentale (delicata e misteriosa la decisione di Nina e Evelyn di non mostrare mai, sui muri dell’edificio, la persona intera, ma sempre frammenti o oggetti piccoli, perché una persona intera su un muro, può spaventare)…


Gedankenschatten / Mindshadows, 2010, Nina Wehrle e Evelyne Laube

La realizzazione di alcuni oggetti che dovevano riassumere i concetti di cultura e natura per una cooperativa agricola spagnola… Dopo due progetti grafici rifiutati, Nina e Evelyn si sono rintanate in cantina, e lì… hanno trovato tutto il necessario…


Campo Adentro / Inland, 2010, Nina Wehrle e Evelyne Laube

Un lavoro sull’amico immaginario dei bambini, per il quale hanno costruito un gigantesco orso e “sequestrato” un bambino in un parco pubblico…


Editorial illustrations for the magazine “Wir Eltern”, 2011 Nina Wehrle e Evelyne Laube

Alcuni libri (bellissimi), come questo minuscolo leporello, che vi invito a sfogliare per intero qui

Una parte della conferenza è stata dedicata alle fasi di costruzione del loro libro sulla storia di Noé (nella traduzione di Martin Lutero), che ha vinto così tanti premi…
Ispirazioni (Bosch e Brueghel, Athanasius Kircher, ma anche l’esplosione della centrale nucleare in Giappone…), errori, momenti di buio, e poi l’opera finale. Inutile cercare di capire chi delle due ha fatto cosa, Nina e Evelyn lavorano sui fogli (a mano! Non c’è neanche un accenno di photohop) insieme, come su un “cadavre exquis”.


Die Grosse Flut/ The Great Flood, 2011, Nina Wehrle e Evelyne Laube
Athanasius Kircher, L’arca di Noé, 1675

 

Die Grosse Flut/ The Great Flood, 2011, Nina Wehrle e Evelyne Laube

Non c’è fine alla ricchezza di dettagli dei loro lavori…


Particolare

Particolare

Particolare

Mi ha sorpresa la versatilità, la professionalità, la bravura di queste due ragazze così giovani. Non so se è una conseguenza dell’aria del nord, o solo un caso, ma ho la sensazione che più si sale a nord, più si incontrano illustratori capaci di curare un progetto in tutti i suoi aspetti (grafici, tipografici, di relazione col cliente, etc). Illustrare non è, sembra di capire, “un sogno magico”, ma un lavoro. Duro lavoro e competenza. Le lingue, ad esempio: Nina e Evelyne ne parlano 4: tedesco, francese, e un po’ di spagnolo; la conferenza l’hanno tenuta in un inglese perfetto.

Ma ecco, la loro bravura non basta a nutrire l’invidia… Questo qui sotto è l’edificio nella Berlino-est dove hanno il loro studio, insieme ad altri artisti.

Davanti a questa casa di artisti c’è un grande giardino, che hanno trasformato in orto. Perché, se non bastasse, Nina e Evelyne sono due superlative cuoche. Crescono le loro verdure e se le mangiano in insalata, e quando fanno un vernissage, sono capaci di preparare loro stesse tutti i manicaretti per l’aperitivo.
Questo qui sotto è il banchetto che hanno preparato per l’inaugurazione della loro mostra di ceramica.


Nina Wehrle e Evelyne Laube

Però, quando Nina Wehrle racconta della sua infanzia, passata in una casa dove il padre è ceramista e ascolta solo musica classica, e la madre è tessitrice… si capiscono molte cose :)

 

Durante il corso ci hanno fatto lavorare sul libro “accordeon”. Il primo giorno dovevamo scrivere su un lato i nostri pregi e sull’altro i difetti (inferno/paradiso), una volta scritti, dovevamo passare l’accordeon al nostro vicino di banco, e illustrare quello che ci arrivava. Poi abbiamo lavorato su “cielo e inferno” visti da una pietra.

Poi dovevamo fare un leporello solo con collage, forbici e cartoncino bianco e nero. Gli ultimi due giorni potevamo lavorare su un progetto libero (sempre a soffietto). Scopo del corso era capire le possibilità di un libro accordeon. Tra tutti i lavori, spiccava alla fine del corso, quello di due ragazze barcellonesi, dello studio “Tropel” (giovanissime e bravissime anche loro): mentre il resto della classe pedissequamente aveva disegnato il paradiso da un lato dell’accordeon, e l’inferno dall’altro, loro avevano posto sotto ogni personaggio due quadratini da barrare con una crocetta: era lo spettatore che doveva giudicare e decidere se mandare o no all’inferno i personaggi. Se ci meritiamo l’inferno, dopotutto, è poi sempre una questione di punti di vista. Io, ad Albarracin, sono stata in paradiso.

Nota: alcune delle foto presenti in questi post sono state scattate dal fotografo RUBEN VICENTE. Trovate tutte le foto dei 4 giorni a questo indirizzo: https://www.dropbox.com/sh/rj7q8lka3ip8u9g/18BLI9bT8P

16 Risposte per “Gli incontri di illustrazione ad Albarracin. Il mio corso con “It’s raining elephants”. Parte 3/3”

  1. 1 Rossana Taormina
    28 Giugno, 2012 at 14:16

    Bellissimo post, bravissime artiste. Che dire della casa di artisti? Quello è il paradiso a cui aspiro …

  2. 2 giovanna
    28 Giugno, 2012 at 16:03

    E come se non bastasse sono anche belle.
    Dicci, ti prego, almeno una cosa che NON sanno fare.

  3. 3 Enrica S.
    28 Giugno, 2012 at 16:04

    Capisco perché queste giovani artiste meritassero un post a parte.
    Fantastiche!

  4. 4 Anna Castagnoli
    28 Giugno, 2012 at 16:06

    @Giovanna: Bellissime! Non abbiamo visto nulla che non sappiano fare. Mi spiace…

  5. 5 giovanna
    28 Giugno, 2012 at 16:13

    Domare pulci?
    Pilotare astronavi?
    Ballare la mazurka?

  6. 6 Arianna
    28 Giugno, 2012 at 21:10

    Persone ed esperienze così fanno venir voglia di andare avanti, andare e andare…

    Grazie Anna!

  7. 7 laura38
    29 Giugno, 2012 at 7:40

    Che meraviglia! Quanta energia, creatività e professionalità che hanno. E che bravura. Sono persino capaci di lavorare insieme sullo stesso foglio, cosa non facile, né scontata, eppure eccole lì. Adesso ho un desiderio insopprimibile riguardo a quella tazza da tè con la barchetta e sogno di fare il loro lavoro con la stessa professionalità e lo stesso impegno.

    Mi chiedo se sia possibile.

    Siccome so che stai per andare in pausa estiva ti saluto qui: ciao Anna, buoni corsi, buone vacanze, buone illustrazioni, e grazie ancora per questo blog così formativo!

  8. 8 Angela
    29 Giugno, 2012 at 7:53

    Anna, come al solito ci apri una finestra su un mondo meraviglioso! Grazie, leggere i tuoi post è nutrimento puro le nostre menti.
    Certo che questa volta è un misto di piacere e “sofferenza/invidia”…. Ma almeno una cosa antipatica o un difetto ce l’avranno queste 2 ragazze? Ma temo già la tua risposta… lascia perdere :-)
    Buon riposo e buone vacanze!

  9. 9 Lisa Massei
    29 Giugno, 2012 at 8:29

    Ciao Anna, ho letto con grande piacere tutti e tre i post su questa bella esperienza… viene voglia di andare, magari il prossimo anno organizziamo una “carovana” :)
    buon riposo estivo.
    a presto!
    Lisa

  10. 10 Anna Castagnoli
    29 Giugno, 2012 at 9:02

    Aspettate a salutarmi! Vi devo ancora postare un’ultima cosa…

    A proposito di voler essere come loro… ve l’avevo già raccontata quella storiella ebraica in cui un rabbino, di nome Giacobbe, arriva alla fine dei suoi anni e muore con una grande pena sul cuore? Arrivato davanti al Signore gli dice: lo so che sei arrabbiato con me e che ho peccato molto: per tutta la vita ho aspirato ad essere saggio e buono come il grande patriarca Abramo, ma non ci sono riuscito…
    Il Signore allora gli risponde: è vero, sono molto arrabbiato con te: ma non per il motivo che credi, sono arrabbiato con te perché hai passato la vita a cercare di essere Abramo, invece di cercare d’essere Giacobbe.

    :)

  11. 11 Anna Castagnoli
    29 Giugno, 2012 at 15:41

    Hi hi, ne ho appena trovata un’altra su Facebook:

    “Sii sempre te stesso, a meno che tu non possa essere Batman. In tal caso sii Batman”.

  12. 12 Rebecca
    1 Luglio, 2012 at 10:16

    una domanda… dopo aver letto attentamente questo post, che trovo a dir poco bellissimo, che differenza c’è tra un libro “accordeon” e un “leporello”? ma, non sono la stessa cosa?

  13. 13 Anna Castagnoli
    1 Luglio, 2012 at 11:19

    Sì sì sono sinonimi, ho usato i due termini per non ripetermi.
    Sono contenta che il post vi sia piaciuto!

  14. 14 Emiliana
    19 Luglio, 2012 at 12:43

    Grazie.Grazie.Grazie.
    p.s come si fa a mandare la propria candidatura per partecipare a questi corsi in questo luogo magico della Spagna? :)

  15. 15 Anna Castagnoli
    19 Luglio, 2012 at 13:06

    Emiliana, io ricevo l’invito via mail, di solito arriva a maggio. Prometto che l’anno prossimo ve lo giro via il blog. Se no prova a scrivere alla fondazione verso aprile e dare la tua mail per ricevere la candidatura: fsmalbarracin@aragon.es
    Tutti possono postulare una candidatura. Di solito si deve allegare un CV e tre immagini.

  16. 16 Emiliana
    21 Luglio, 2012 at 15:54

    Grazie per la risposta, imparo sempre qualcosa dal tuo modo di condividere questa passione. :)