Archivio per la categoria '– Analisi album illustrati'

La vera storia di un topolino chiamato Pérez (Ana C. Herreros-Violeta Lopiz)

8 novembre, 2010

La asombrosa y verdadera historia de un ratón llamado Pérez, Ana Cristina Herreros, Violeta Lopiz, Siruela 2010 C’è una sensazione dell’infanzia che per me è La sensazione dell’infanzia con la L maiuscola: quella di spingere più volte con la lingua, giorno dopo giorno, un dente che balla, fino a farlo cadere; poi, per molte ore, […]

Una volta, un giorno (Quarenghi-Mulazzani)

31 ottobre, 2010

Una volta, un giorno, Giusi Quarenghi e Simona Mulazzani. Franco Cosimo Panini 2008 Una volta, un giorno di Giusi Quarenghi e Simona Mulazzani è un inno alla gioia. Non so se vi è mai capitato, sotto un acquazzone, di venir presi da un irresistibile desiderio di mettervi a ballare, o davanti al sorgere del sole, […]

Caja de cartón: la lunga storia di un’adozione

26 aprile, 2010

Caja de carton, Txabi Arnal e Hassan Amekan, Oqo editora 2010 Sono certa che esistono centinaia di libri sul tema dell’adozione: profondi, importanti, utilissimi, e sono certa che la maggior parte di questi libri (Coniglietto cerca casa/ Ti abbiamo tanto aspettato/ L’uccellino Piò ha ritrovato un nido…, tanto per inventare qualche titolo che avrà senz’altro […]

Saisons, di Blexbolex, Albin Michel 2009

7 dicembre, 2009

Saisons, Blexbolex, Albin Michel 2009 Vorrei parlarvi di Saisons di Blexbolex, a mio gusto il libro più bello di questa stagione francese. A prima vista il libro sembra un semplicissimo imagier di stagioni, un catalogo di più di 90 pagine di oggetti e immagini associate a nomi. Le illustrazioni, raffinatissime e colte, spesso citano dichiaratamente […]

Lorenzo Mattotti: esce il suo Hansel e Gretel, un capolavoro

16 novembre, 2009

Non ho ancora avuto l’emozione di sfogliarne le pagine, ma lo aspettavo da un anno: le edizioni Orecchio Acerbo ci regalano Hansel e Gretel illustrato da Lorenzo Mattotti, un album di una bellezza inestimabile. Ci sono monaci in oriente che studiano una intera vita il gesto di dipingere, con un solo tratto, un cerchio di […]

“L’ora blu” (Topipittori)

5 ottobre, 2009

” Attraverso campi e foreste, dentro improvvisi dirupi, e tra casette in fuga, quei giocatori incorporei continuavano a giocare imperturbabili per poste imperturbabilmente spumeggianti”. Valdimir Nabokov, nei suoi ricordi del treno Nord-Express San Pietroburgo-Parigi, nel 1909 Dopo Velluto, storia di un ladro, Antonio Marinoni firma un altro capolavoro: L’ora blu, su testo (strepitoso) di Massimo […]

« Precedente - Prossimo »