Iratxe López de Munáin: One character per day

14 dicembre, 2015

Iratxe Lopez de Munain

Iratxe Lopez de Munain
One character per day

Questo divertentissimo progetto lo ha ideato Iratxe L√≥pez de Mun√°in, un’illustratrice spagnola (gi√† selezionata, nel 2015, alla Mostra Illustratori di Bologna), e si intitola: One character per day.
√ą nato cos√¨: di ritorno da un viaggio a New York, colpita dai vestiti di alcune persone sconosciute, dai loro visi e dai loro gesti, Iratxe ha deciso di disegnare una persona al giorno.
Un esercizio di osservazione che le √® sempre piaciuto e che oggi la porta ogni giorno a esplorare attivamente, con occhio da detective, le strade e i quartieri di Barcellona (la citt√† dove vive), o le strade, metro, treni, stazioni, areoporti… delle citt√† dove si trova in viaggio.
Iratxe dice che, in qualche modo, disegnando e scegliendo i suoi modelli, sta popolando la città nella quale le piacerebbe vivere.
Potete vedere i personaggi già ritratti, e seguire quotidinamente quelli nuovi, a questo link.

Ho scelto di dare spazio a questo progetto per la freschezza dei disegni, ma anche per ricordare ai giovani illustratori che il nostro è un mestiere creativo.
“Creativo” significa anche: pieno di inventiva, mescolato alla vita di tutti i giorni, propositivo, appassionato, curioso. Spedire disegni a un editore e aspettare semi-depressi che l’editore vi risponda (!) non √® pi√Ļ un modo attuale di vivere questo lavoro.
Spazio alle idee!

character5 character7 character8 character11 character13 character16 character22 character29 character35

8 Risposte per “Iratxe L√≥pez de Mun√°in: One character per day”

  1. 1 AlmaCattleya
    14 dicembre, 2015 at 18:50

    Soprattutto questo progetto mi fa pensare “Non rintanatevi nelle vostre case aspettando che l’ispirazione vi arrivi. Andate fuori, c’√® tutto un mondo che aspetta di essere visto e raccontato.”

  2. 2 Enrica
    14 dicembre, 2015 at 19:44

    A me fa pensare anche all’importanza del disegno dal vero per crescere nel saper disegnare: le storie, e le illustrazioni credibili di storie credibili, nascono dalla realt√†. Realt√† vista in modo personale, ma comunque realt√†.
    L’atto di disegnare pu√≤ uscire anche “fisicamente” nel senso che si pu√≤ disegnare dovunque: al bar, alla fermata dell’autobus, sulla panchina del parco‚Ķche bello sarebbe vedere per le strade persone che se ne stanno l√¨ e guardano, ascoltano e disegnano‚Ķ.

  3. 3 Andrea Alemanno
    19 dicembre, 2015 at 12:05

    Decisamente un bel progetto.
    Anche io ho sempre disegnato i passeggeri durante i miei viaggi. Credo che sia un ottimo esercizio ma sopratutto ci fa sembrare agenti segreti che non si devono far scoprire!
    Ahahah!

  4. 4 Anna Castagnoli
    20 dicembre, 2015 at 21:17

    √ą anche bello quando ci si accorge che la persona ritratta lo sa, ma lascia fare, si lascia guardare facendo finta di niente.

  5. 5 valeria
    25 gennaio, 2016 at 18:01

    Per un paio d’anni, tanti anni fa, ho disegnato in metropolitana, a Milano, ogni volta che la prendevo. Quello che cercavo era esercitare la velocit√† della mano, perch√© non puoi mai sapere quando scender√† la persona che stai ritraendo n√© se alla prossima fermata salir√† cos√¨ tanta gente da impedirti di vederla. Quello che ho trovato √® una verit√† che ha cambiato il mio sguardo per sempre: la bellezza √® sulla faccia di tutti.
    Non ho mai chiesto il permesso ma non mi sono mai nascosta e alcuni sicuramente si sono accorti che li stavo disegnando. Eppure, solo una volta, una signora mi ha aggredito dicendo che non mi dovevo permettere, urlandomi di tutto. Le ho dato il disegno, che era anche venuto bene, ed √® stato l’ultimo di quella serie. Tra quell’ultimo disegno e i precedenti era passato qualche mese e, nel mezzo, c’era stato un evento senza precedenti, l’attentato alle Torri Gemelle. Magari √® stato un caso, e la signora non avrebbe gradito nemmeno prima, ma sicuramente il modo di guardarsi, e di non guardarsi, su un mezzo pubblico √® parecchio cambiato da allora.

    Corro a vedere il sito di Iratxe, curiosissima di vedere cosa ha cercato e cosa ha trovato guardando con quest’allegria che trasuda dai suoi disegni!

  6. 6 Anna Castagnoli
    25 gennaio, 2016 at 21:51

    Che bel racconto Valeria, e come è tristemente vero.

  7. 7 Francesca
    6 settembre, 2018 at 18:12

    Grazie mille dello spunto. Non sono una ‘del mestiere’. Faccio l’insegnante di lettere alle medie ma da qualche anno mi sono fatta trascinare dalla passione per gli albi illustrati che uso nella mia pratica di insegnamento.
    Ho preso spunto da questi bellissimi disegni per proporre ai miei alunni di partire proprio dai personaggi ritratti per farli diventare protagonisti di alcune storie, oppure semplicemente per descriverli o per immaginare da dove vengono o dove sono diretti.
    La mente va sollecitata per pi√Ļ canali!
    Complimenti sia per il tuo lavoro che per il blog.

  8. 8 Anna Castagnoli
    11 settembre, 2018 at 2:52

    Grazie Francesca, chissà che temi interessanti sono usciti! Lo riferisco a Iratxe, che è anche una amica.
    Un saluto caro