An Illustrated Talk With Maurice Sendak, di Christoph Niemann

13 giugno, 2014

Martedì scorso c’è stata la conferenza su Nel Paese dei mostri selvaggi presso la libreria Corraini di Milano. Alla fine dell’incontro abbiamo proiettato questo video di Niemann: un capolavoro. La storia che lo precede è questa: Christoph Niemann, uno dei più grandi “visual storyteller” americani contemporanei, era in macchina quando ascoltò alla radio una delle ultime interviste fatte a Maurice Sendak. Si commosse, perché nell’intervista Maurice Sendak parla della vita e piange (era già malato).
Nel 2012, in occasione della morte di Sendak, Niemann ha realizzato questi disegni sulle parole dell’intervista radiofonica di Sendak. Struggente.
Qui trovate la trascrizione, che potete tradurre in google translate.

 

Un momento dell’incontro da Corraini, mentre guardiamo il video

3 Risposte per “An Illustrated Talk With Maurice Sendak, di Christoph Niemann”

  1. 1 Debora
    13 giugno, 2014 at 11:52

    Resto sempre colpita (già a Sarmede e da alcuni video in internet) dalla tua grande
    capacità di comunicare (confermata dalla conferenza), e di offrire spunti di riflessione, di trasmettere la tua
    passione ed il tuo entusiasmo.
    Sendak confesso, l’ho scoperto recentemente,il suo libro Nel Paese dei Mostri Selvaggi,
    l’avevo già comprato prima della tua conferenza…in modo istintivo, lo adoro,
    mi piace tutto, i disegni la tecnica scelta, il finale…
    Il video di Niemann l’ho trovato molto poetico e
    benchè non sia riuscita a capire tutte le parole durante la conferenza(il mio inglese
    zoppica)l’emozione mi è comunque arrivata dai disegni e dalla voce di Sendak.( Mi riprometto appena riesco di riascoltarlo con calma)

  2. 2 francesca
    13 giugno, 2014 at 15:27

    Grazie Anna!

  3. 3 Elisa Lou
    14 giugno, 2014 at 15:52

    Commuovente davvero. Mi sono salite le lacrime agli occhi… la delicatezza del tratto, del bianco e nero, dell’incompleto e la poesia delle illustrazioni sfiorano il paradiso (sicuramente sono arrivate a destinazione fin lassù). Grazie Christoph Nieman per questo tributo.