Ilustrarte: tutti i disegni dei vincitori italiani!

21 novembre, 2013

Ecco tutti gli italiani (con l’eccezione di: Fanny Dreyer, che non √® italiana e non vive in Italia, era un errore, e Matteo Pagani, che non ha ancora risposto alla mail) vincitori di questa edizione 2014 di Ilustrarte, uno dei maggiori concorsi internazionali dedicati all’illustrazione. Guardando i vincitori e molti selezionati, mi sembra che sotto il cappello “illustrazione per ragazzi” si confermi con sempre maggiore sicurezza un linguaggio stilistico molto adulto. Qui potete vedere i tre finalisti.
La giuria era formata da: Chiara Carrer, Carll Cneut, Ewa Stiasny, Valerio Vidali.

In ordine di arrivo delle mail:

Elisa Talentino,
(qui il suo blog: Inamorati, un laboratorio con Paolo Berra):

“√ą stata davvero una splendida notizia, √® un appuntamento importante nonch√© un’occasione per confrontarsi e conoscere altri illustratori con cui condivido la stessa passione e che seguo da tempo. Sono contentissima poi di esporre a Lisbona che mi √® rimasta nel cuore dopo aver frequentato per un anno l’accademia di Belle Arti.”

Elisa Talentino
Elisa Talentino
Elisa Talentino

Sylvie Bello:

“Per cominciare, ho riletto pi√Ļ volte la lista dei vincitori per essere sicura che c’era scritto mio nome! Questa notizia mi ha fatta attraversare diversi stati di animo: Prima cosa la felicit√† (sembravo beata avevo questo sorriso continuo sulle labbra), poi l’orgoglio di ritrovarmi vicino ad artisti bravissimi che seguo, stimo e che mi fanno sognare. Tipo come una bambina che riuscirebbe a toccare le stelle. Il fatto di essere tra i 50 selezionati significa avere il riconoscimento e l’incoraggiamento dei professionisti e mi da voglia di lavorare ancora di pi√Ļ per fare che il mio desiderio d’illustrare libri per l’infanzia si realizzi.”

Sylvie Bello
Sylvie Bello
Sylvie Bello

Simone Rea e Daniela Tieni

Simone:
“Posso raccontarti che l’idea nasce per caso questa estate.
Eravamo al mare quando chiacchierando con Paolo (Canton, ndr) e Daniela, spronati da Paolo ci decidiamo a partecipare a Ilustrarte.
In realtà io volevo partecipare ma non avevo assolutamente idea di cosa illustrare.
Poi pensando a un lavoro che aveva postato Daniela qualche tempo prima ci siamo resi conto che potevamo partire dalle scenografie visto che entrambi in quel momento eravamo stimolati dal disegnare le montagne.

Per quanto riguarda la selezione di ilustrarte.
Di solito quando partecipo lo faccio per vincere, sono molto competitivo e tento sempre di dare il massimo (non solo mostrando le capacità tecniche).
Siamo partiti senza un fazzoletto, senza un testo, solo con le montagne. Il risultato è stato a mio avviso soddisfacente.
Ilustrarte √® molto interessante per noi illustratori perch√© si possono realizzare “illustrazioni meno controllate di quelle dedicate all’albo illustrato.
Per me Ilustrarte è il luogo dove illustrazione e arte si incontrano modificando i propri ruoli.
Noi per√≤ abbiamo giocato proprio al contrario, (non avendo una storia abbiamo ricreato una finzione, sembrano realmente tavole di un libro e molti ci hanno chiesto se ci fosse una storia) e la selezione fortunatamente convalida la riuscita dell’esperimento a quattro mani. Io sono soddisfattissimo. “
Daniela:
“Per ora non potrei aggiungere altro a quello che ha scritto Simone per quanto riguarda questa esperienza, se non ribadire quanto il risultato ci abbia resi felici. Penso che la fiducia reciproca ci abbia dato una grossa mano, e ci abbia messo nella condizione migliore per provare, sperimentare e lavorare insieme. √ą andata bene: questo ci incoraggia a proseguire e a studiare ogni giorno.”
Simone Rea e Daniela Tieni
Simone Rea e Daniela Tieni
Simone Rea e Daniela Tieni

Daniela Iride Muriga
(Tavole tratte da Max Ernst, el homnre pájaro, Fondo de Cultura Economica, Messico: questo albo ha vinto il concorso A la Orilla del viento e, recentemente, ha vinto il premio messicano Caniem 2013, assegnato dalla National Chamber of the Mexican Editorial Industry).

“Illustrarte 2012 mi ha consacrato a questa professione. Il livello della qualit√† di questa organizzazione √® molto alto ed io sono onorata di essere stata riconfermata dopo due anni.
La prima volta non sapevo esistesse la possibilit√† di superare ¬†questo “passo” oltre il quale ti si parano davanti immagini straordinarie, di altri, di altri luoghi, e le tue immagini stanno in un cassetto che √® uno scrigno, che √® un sogno realizzato.
La seconda volta, quando ho saputo di essere stata selezionata, ho avvertito il brivido di chi, con gli occhi chiusi, si lascia trasportare, e si ritrova ¬†ancora una volta dall’altra parte del passo. Che spettacolo!
Life is art, Illustrarte is life!”
Daniela Iride Murgia
Daniela Iride Murgia
Daniela Iride Murgia

Viola Niccolai (tavole realizzate per il numero 31 della rivista Hamelin)

“Le tavole sono nate quando Emilio Varr√† e Ilaria Tontardini (redattori della rivista Hamelin, ndr) mi hanno chiesto di fare una riflessione sull’infanzia e sul rapporto fra adulti e bambini, che era poi il tema specifico del numero della rivista che mi era stata chiesta di illustrare. Ho iniziato a disegnare partendo dalla rielaborazione di vecchie foto, mie e di mia madre da bambine. Volevo che emergesse dai disegni come lo sguardo di un bambino pu√≤ filtrare la realt√† e trasformarla a suo piacimento, che √® il motivo per cui dei cervi possono trovarsi in un salotto o un cowboy pu√≤ imbattersi in una piccola Cappuccetto rosso durante un veglione di carnevale di fine anni Ottanta. Sapevo che le illustrazioni sarebbero state stampate in b/n, quindi dopo un primo momento di indecisione se lavorare a xilo o a matita ho optato per questa, e per tutti i toni possibili di grigio. Ho cercato di lavorare tanto anche sul bianco, che nella tavola della mensa non si stacca fra grembiuli dei bambini e il tavolo dove mangiano, mentre l’unica figura scura in lontananza √® il maestro, ed √® un’altra cosa. Non so, ti dico queste cose perch√© sono le prime che mi vengono in mente e rappresentano delle riflessioni che ho affrontano mentre lavoravo a questa serie, mi interessa anche un tuo parere se vuoi! e s√¨, parlerei piuttosto del lavoro che c’√® stato dietro, ovviamente √® stata una sorpresa enorme (anche perch√© non mi trovavo e avevano messo Viola come cognome ahah!).”

Viola Niccolai
Viola Niccolai
Viola Niccolai

Gaia Stella
Le tavole fanno parte del libro Et toi, ou habites tu?, che ho scritto e illustrato. Edito da La Joie de Lire, in pubblicazione nel 2014.

“Sabato pomeriggio ero attaccata al computer ad aspettare i risultati, ho fatto in tempo a guardare i vincitori, a pensare quanto mi piacessero, e mi ha colpito un attacco di sonno…
sono stata svegliata dalla telefonata di un’amica che mi dava la notizia, √® stato bellissimo! Felice e incredula di essere dentro la selezione.”
Gaia Stella
Gaia Stella
Gaia Stella

Matteo Pagani

“Una grande soddisfazione, per me che mi sono da poco avvicinato all’illustrazione. L’emozione pi√Ļ grande √® quella di condividere questo evento con illustratori da tutto il mondo e questa pluralit√† di linguaggi √® assolutamente stimolante! Sono contento di far parte di una piccola “squadra” di italiani, che sono stati selezionati per la qualit√† del loro lavoro.”

13 Risposte per “Ilustrarte: tutti i disegni dei vincitori italiani!”

  1. 1 Daniela Iride
    21 novembre, 2013 at 9:57

    Ciao Anna, ciao a tutti,
    intanto “caldi” complimenti a tutti! grandi!

    Volevo ricordare che in giuria c’era anche Valerio Vidali, perlomeno da quello che si evince dal sito di Illustrarte.

    Un abbraccio a todos,

    daniela

  2. 2 elillisa
    21 novembre, 2013 at 11:50

    Lavori bellissimi e meritatamente premiati.

    Posso per√≤ fare una personale dichiarazione d’amore a Viola Niccolai? :)

  3. 3 Giorgia Brandimarte
    21 novembre, 2013 at 11:58

    Sono senza parole di fronte alle tavole di Daniela Iride Murgia: S P E T T A C O L A R I . Davvero complimenti!

  4. 4 Anna Castagnoli
    21 novembre, 2013 at 12:00

    Grazie Daniela, ho corretto. Infatti il vincitore fa sempre il giurato l’anno successivo . Un lapsus di distrazione, non lo avevo visto nella lista dei nomi.

  5. 5 marianna f.
    21 novembre, 2013 at 12:59

    Brava Viola Niccolai i tuoi disegni mi mettono sempre tanta gioia,soprattutto le guance dei bambini.Viva il bianco.

  6. 6 AlmaCattleya
    21 novembre, 2013 at 14:45

    Complimenti a tutti gli illustratori selezionati

  7. 7 Babi
    21 novembre, 2013 at 15:23

    Gaia Stella è IL talento! Complimenti a tutti!

  8. 8 Maria Cristina
    21 novembre, 2013 at 15:53

    Bravi tutti non c’√® dubbio.
    Quello che mi chiedo io √® cosa porta questa catalogazione di disegni “da galleria di arte contemporanea” all’arte della riproduzione e realizzazione di libri illustrati. Mi sembra che questa cosa delle mostre sia diventato solo roba da artisti che lavorano su carta. Intendo dire che ci si concentra sull’esposizione e non sulla riproducibilit√† e comunicazione editoriale. Che ne pensate.

  9. 9 paolo
    21 novembre, 2013 at 16:10

    Mi ricordo che Edoardo Bennato, qualche anno addietro cantava una canzone nella quale si diceva cos√¨: ¬ęCos√¨ non va, Veronica / Non ci sto pi√Ļ / Questa tua trita polemica / Non mi va gi√Ļ.¬Ľ
    Per la cronaca: le illustrazioni di Daniela Iride Murgia sono state pubblicate in Messico; Simone Rea e Daniela Tieni sono entrambi pubblicati in Italia e all’estero, da svariati editori e con un certo successo commerciale; Viola Niccolai ha mandato tavole pubblicate da una rivista ed √® in procinto di veder pubblicato il suo primo libro; Gaia Stella ha mandato illustrazioni pubblicate da un grande editore francofono. Se non basta questo a parlare – e con una certa eloquenza – di riproducibilit√† e comunicazione editoriale, non so che cosa serva. Forse i numeri di quella famosa famiglia di maiali con la testa a forma di phon?

  10. 10 giovanna
    21 novembre, 2013 at 16:25

    Molto simpatica Gaia Stella, crollata dal sonno.
    E chapeau ai talenti dell’illustrazione italiana.

  11. 11 Anna Castagnoli
    21 novembre, 2013 at 17:08

    Maria Cristina è un argomento interessante, lo abbiamo già trattato a lungo nei post su Bologna, qui:
    http://www.lefiguredeilibri.com/2013/04/25/mostra-illustratori-di-bologna-arte-illustrazione-innovazione-parte-3/
    http://www.lefiguredeilibri.com/2013/04/29/mostra-illustratori-di-bologna-una-riflessione-sul-gusto-parte-4/
    http://www.lefiguredeilibri.com/2013/05/06/mostra-degli-illustratori-2013-analisi-delle-immagini-di-anne-crausaz/

  12. 12 maria cristina
    22 novembre, 2013 at 17:30

    hai ragione Anna a mettere in evidenza quegli approfondimenti, il mio era solo un rimettere il dito nella piaga e come dice edoardo bennato: sono solo canzonette…

  13. 13 cristina
    23 novembre, 2013 at 13:04

    complimenti a tutti!
    un appunto: dev’essere saltato dal post il simpatico commento di gaia stella