Jan Švankmajer: Alice

28 Febbraio, 2008

Jan ┼ávankmajer non ├Ę esattamente un illustratore di libri per bambini. Ma, per i suoi cortometraggi (spesso ispirati al mondo dell’infanzia), le sue marionette, le sue scenografie, le sue prospettive altezza-bambino, per l’influenza che ha avuto su universi come quelli di Tim Burton, Terry Gilliam, dei fratelli Quay… non credo si possa parlare di storia dell’illustrazione senza conoscere la sua opera.

Jan ┼ávankmajer ├Ę nato a Praga nel 1934. Nella stessa Praga brumosa di Kafka.
La pittura di Max Ernst e Arcimboldo, tutta la letteratura mitteleuropea, la riscoperta degli scritti del marchese De Sade e, d’oltre oceano, i colori modernissimi e scuri dell’opera di Edgar Allan Poe, influenzano il suo immaginario. Sar├á uno dei pi├╣ importanti artisti surrealisti del ‘900. Nel 1972 il regime comunista gli proibisce di continuare la sua opera, mettendo al bando molti suoi films. La sua fama rester├á sconosciuta all’occidente fino agli anni ’80.

Qui sotto un frammento del film d’animazione considerato il capolavoro di ┼ávankmajer: Alice. Del 1988.
Abbiamo spesso parlato in questo blog del rapporto tra testo e immagine. Per come io sento la storia di Alice, ┼ávankmajer ├Ę stato in assoluto l’artista che ha meglio interpretato, attraverso delle immagini, il testo di Lewis Carroll. Ecco un brano del film…

. .

2 Risposte per “Jan ┼ávankmajer: Alice”

  1. 1 marco
    20 Marzo, 2008 at 1:26

    fantastico, credo sia la parola giusta per il lavoro di Svankmajer e di sua moglie. Per me l’incontro con la loro arte ├Ę avvenuto in occasione della mostra personale che la citt├á di Parma ha dedicato loro un paio di anni fa. Vi figuravano anche alcun oggetti di scena utilizzati per Alice. Credo che il loro punto di forza sia nel non aver paura di andare fino in fondo rappresentando i mondi pi├╣ nascosti che ognuno di noi si porta dentro. Esistono, oltre al catalogo edito in occasione della mostra, anche due dvd con alcuni dei corti animati. Io ne ho acquistato uno al bookshop del centre Pompidou, ma so che li hanno anche in librerie come il Modo Infoshop di Bologna.
    Comunque, a parte queste mie note, grazie per il lavoro di ricerca e di documentazione che fai su questo sito, lo trovo molto interessante!

  2. 2 Anna
    20 Marzo, 2008 at 9:07

    Marco, grazie mille a te per le tue preziose informazioni!
    E’ vero che quando un artista va fino in fondo, fa un grande regalo a noi comuni mortali, illuminandoci il buio che abbiamo dentro.